Djokovic ha ammesso di aver rilasciato false dichiarazioni nel documento di viaggio australiano

MELBOURNE, Australia – Novak Djokovic, il tennista maschile numero uno al mondo, ha ammesso mercoledì che il suo documento di viaggio fornito ai funzionari di frontiera australiani la scorsa settimana conteneva informazioni false mentre veniva interrogato dalle autorità sull’opportunità di essere espulso.

Sig. Djokovic ha detto di aver preso parte a un’intervista e a un servizio fotografico nella sua città natale, la Serbia, il mese scorso, dopo un test positivo per il virus corona, in palese violazione delle regole del Paese per le vittime. Signor che non è stato vaccinato. Funzionari australiani affermano che stanno indagando se Djokovic stia mettendo in pericolo la salute pubblica.

I commenti della star del tennis sono arrivati ​​in una dichiarazione che ha pubblicato sui social media, dicendo che intendeva “chiarire la disinformazione” poche settimane prima di venire a Melbourne per gli Australian Open. È stato trattenuto per diversi giorni da funzionari di frontiera australiani ed è stato rilasciato lunedì da un giudice federale.

Ma il sig. La dichiarazione di Djokovic non ha risposto completamente a molte domande sulla sua ricerca per il 21esimo titolo consecutivo del Grande Slam in Australia. Quando ha appreso del risultato positivo del test in essi, in che modo i suoi documenti di viaggio hanno confermato falsamente che non aveva viaggiato all’estero 14 giorni prima del suo arrivo in Australia.

Rapporto Inserito su Instagram, Sig. Djokovic ha detto che questo è stato il suo ultimo commento sul processo in Australia, che è stato rilasciato poiché il ministro dell’immigrazione del paese ha affermato che stava ancora valutando se usare i suoi poteri personali per revocare il visto di un giocatore. Il signor che ha cercato di entrare in Australia la scorsa settimana dopo essere stato esentato dall’obbligo del vaccino Covit-19. I funzionari dell’immigrazione hanno anche indagato sulle discrepanze nei documenti presentati da Djokovic.

READ  Aggiornamenti live di ALCS Game 3

I funzionari del tennis australiano affermano che il signor Govt lo ha contagiato a metà dicembre. L’esenzione è stata concessa sulla base di quanto affermato da Djokovic. È stato oggetto di critiche sui social media per averlo mostrato agli eventi mentre allo stesso tempo ha affermato di essere stato infettato dal virus corona.

Ha detto di essere stato sottoposto a un test PCR il 16 dicembre dopo che alcune persone nella sua partita di basket a cui aveva assistito due giorni prima sono risultate positive al virus corona. Djokovic ha detto mercoledì. Nonostante l’assenza di sintomi, ha fatto un rapido test dell’antigene “con molta cautela” ed è risultato negativo.

Il 17 dicembre, in attesa del risultato della PCR, ha partecipato a un evento di tennis nella capitale serba, Belgrado, dove ha consegnato premi ai bambini. Ha detto di aver subito un altro test rapido dell’antigene prima di partecipare all’evento ed è risultato negativo e il suo test PCR non si è rivelato positivo fino al termine.

Il 18 dicembre è stato intervistato e fotografato dal quotidiano sportivo francese L’Equipe e ha continuato a “mantenere una promessa di lunga data”.

“Dato che non volevo far cadere il giornalista, sono stato obbligato a realizzare l’intervista a L’Equipe, ma tranne quando è stata scattata la mia foto, ero socialmente distaccato e mi sono assicurato di indossare una maschera”, ha detto. disse Djokovic.

“Quando sono tornato a casa dopo l’intervista per isolarmi per il momento, se ci ho pensato, accetto che si sia trattato di un errore di giudizio e che avrei dovuto cambiare questa affermazione”, ha aggiunto.

READ  Annunci live su Braves vs Astros

Sig. Questa non è la prima volta che Djokovic si scusa per il suo licenziamento durante l’epidemia. A metà del 2020, quando il virus si è diffuso in Europa e altrove, ha ospitato un torneo di tennis, dopo il quale lui e molti altri sono risultati positivi.

Sig. Djokovic ha dichiarato nella sua dichiarazione di mercoledì di non aver ricevuto un avviso di “decisione PCR positiva” fino al 17 dicembre – dopo un incidente che ha coinvolto bambini – i documenti che ha fornito alle autorità australiane quando ha tentato di entrare nel paese. I risultati sono tornati il ​​giorno precedente.

Una copia del certificato medico per il suo test PCR positivo è stata segnalata il 16 dicembre alle 13:05 e il risultato positivo è stato ottenuto alle 20:19 dello stesso giorno. Ha testimoniato in un tribunale australiano di essere stato “diagnosticato con SARS-CoV-2 (COVID) il 16 dicembre 2021”. Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto.

Prima di partecipare alla cerimonia di premiazione del 17 dicembre, il sig. Il primo ministro serbo Ana Pranabic ha affermato che Djokovic avrebbe “chiaramente violato le regole” in Serbia se avesse saputo questa settimana di essere a favore del virus corona.

READ  Derek Chavez si dichiarerà non colpevole delle accuse di violazione dei diritti civili di George Floyd.

Ma erano necessarie ulteriori informazioni: “Non so quando ha ottenuto i risultati del test e quando ha studiato”, ha aggiunto.

Sig. Alla domanda su cosa sarebbe successo se si fosse scoperto che Djokovic avesse violato le regole di isolamento, il governo serbo ha detto che “se ne sarebbe occupato”.

Ha detto nella sua dichiarazione, il sig. Djokovic ha anche sollevato domande sull’annuncio nel suo documento di visto di non aver viaggiato in nessun altro paese nei 14 giorni prima del suo arrivo in Australia. I documenti avvertono che le risposte errate alla domanda comporteranno sanzioni severe.

Il suo annuncio sembrava essere contraddetto dai post sui social media che lo mostravano in viaggio tra Spagna e Serbia. Mercoledì, ha detto che il suo agente “ha commesso un errore amministrativo spuntando la casella sbagliata”.

“Questo è un errore umano e certamente non intenzionale”, ha detto, aggiungendo che il suo team “mercoledì ha fornito ulteriori informazioni al governo australiano per chiarire la questione”.

Sig. Con il ministro dell’Immigrazione Alex Hawk che ha sottolineato che sono necessarie ulteriori informazioni per considerare nuove informazioni prima di decidere se revocare il visto di Djokovic, è improbabile che la storia si risolva presto.

Sig. Il portavoce di Hawkins, il sig. Gli avvocati di Djokovic hanno affermato di aver “fatto ulteriori lunghe osservazioni e documenti giustificativi presumibilmente relativi alla cancellazione del visto del signor Djokovic”.

“Naturalmente, questo influenzerà il periodo di tempo per il processo decisionale”, ha aggiunto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply