Davos 2023: Big Oil nel fuoco incrociato delle proteste degli attivisti per il clima

DAVOS, Svizzera (16 gennaio) (Reuters) – Le major petrolifere sono state messe sotto pressione all’inizio del World Economic Forum (WEF) dagli attivisti che le accusavano di dirottare il dibattito sul clima, mentre la campagna di “cessate e desistete” di Greta Thunberg le incolpava. Ha ottenuto supporto sui social media.

Le principali compagnie energetiche tra cui BP (BP.L)gallone (CVX.N) e Saudi Aramco (2222.SE) Sono tra i 1.500 leader aziendali che si riuniscono per l’incontro annuale nella località svizzera di Davos, dove le minacce globali, compreso il cambiamento climatico, sono all’ordine del giorno.

“Chiediamo un’azione concreta e reale per il clima”, ha detto Nicolas Siegrist, un organizzatore di proteste di 26 anni che dirige anche i giovani socialisti in Svizzera.

L’incontro annuale dei leader economici e politici globali inizia lunedì a Davos.

“Saranno nella stessa stanza con i leader del paese e spingeranno per i loro interessi”, ha detto Siegrist della partecipazione delle compagnie energetiche durante una manifestazione a cui hanno partecipato diverse centinaia di persone domenica.

L’industria petrolifera e del gas ha affermato di dover far parte della transizione energetica poiché i combustibili fossili continueranno a svolgere un ruolo importante nel mix energetico globale man mano che i paesi passano a economie a basse emissioni di carbonio.

E una campagna sui social media lunedì ha aumentato la pressione sulle compagnie petrolifere e del gas, promuovendo un avviso di “cessazione e cessazione” sponsorizzato dagli attivisti per il clima Thunberg, Vanessa Nakate e Louisa Neubauer, attraverso il sito no profit Avaaz.

READ  Il G7 esorta la Cina ad astenersi dalle minacce e dall'uso della forza

Chiede agli amministratori delegati della compagnia energetica di “smettere immediatamente di aprire nuovi siti di estrazione di petrolio, gas o carbone e di smettere di bloccare la transizione verso l’energia pulita di cui tutti abbiamo così urgente bisogno”, minacciando azioni legali e altre proteste se non si conformano.

La campagna, che è stata firmata da più di 660.000 persone, lunedì mattina ha avuto quasi 200.000 condivisioni.

Sumant Sinha, che dirige una delle più grandi società di energia rinnovabile dell’India, ha affermato che sarebbe opportuno includere le major petrolifere nella discussione sulla transizione perché hanno un ruolo vitale da svolgere.

“Se i lavoratori petroliferi fanno parte di queste conversazioni nella misura in cui si impegnano anche a cambiare, allora con tutti i mezzi. È meglio portarli dentro la tenda che fuori dalla tenda”, ha affermato Sinha, presidente e amministratore delegato di ReNew Power. Ha detto a Reuters che l’implicazione non dovrebbe portare al “sabotaggio”.

L’aumento dei tassi di interesse ha reso più difficile attrarre progetti di energia rinnovabile per il finanziamento, offrendo agli attori tradizionali con tasche profonde un vantaggio competitivo.

Quando i delegati hanno iniziato ad arrivare a Davos, gli attivisti del debito climatico hanno protestato in un aeroporto privato nella Svizzera orientale che secondo loro sarebbe stato utilizzato da alcuni partecipanti al WEF, e hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo la cancellazione del debito estero per i paesi più poveri al fine di accelerare il ritorno di debito. Transizione energetica globale.

Segnalazione aggiuntiva di Catherine Lowry. Montaggio di Alexander Smith e Alex Richardson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply