Concerto dell’organista Andrea Vannucchi

Domenica 7 gennaio alle ore 18 nella splendida chiesa di San Bartolomeo di Solomeo

0
1190
Andrea Vannucchi

Prende il via Cantiones Sacrae, rassegna di concerti sacri inseriti nella Stagione musicale 2017/2018 del Teatro Cucinelli, che si terranno da gennaio ad aprile nella splendida chiesa di San Bartolomeo di Solomeo.

Domenica 7 gennaio alle ore 18 sarà l’organista pistoiese Andrea Vannucchi a far rivivere la voce dell’organo settecentesco costruito da Adamo Rossi nel 1791 e restaurato dall’organaro Riccardo Lorenzini nel 2013.
Un programma di grande interesse quello proposto da Andrea Vannucchi con l’esecuzione di pagine di Bernardo Pasquini (Toccata), Johann Caspar Kerll (Passacaglia), Franz Danksagmüller (Estampie), Giovanbattista Martini (Toccata; Sesta Sonata op. 3; Sonata in fa maggiore), Wolfgang Amadeus Mozart (Andante in fa maggiore K. 616), Giovanni Morandi (Elevazione; Post Comunio), Giovan Battista Oradini (Suonata per Organo).
Il concerto si terrà nella chiesa di San Bartolomeo di Solomeo con ingresso gratuito.

*** *** ***

Andrea Vannucchi

Andrea Vannucchi, nato nel 1965 a Pistoia, si è diplomato in Pianoforte, Organo e Clavicembalo nei Conservatori di Musica di Firenze e Ferrara.
In seguito, fra il 1993 e il 1996, ha proseguito gli studi sotto la guida di Jacques van Oortmerssen allo Sweelinck Conservatorium Amsterdam dove ha ottenuto il Diploma di Solista d’Organo (Uitvoerend Musicus).
Andrea Vannucchi è stato vincitore del 3° Premio al II Concorso Nazionale «Città di Milano» nel 1990, del 1° Premio al Concorso Internazionale di Bruges (in duo, 1994) e del 3° Premio al Concorso d’Organo di Innsbruck nel 2007.
Si è esibito come solista in Svizzera, Belgio, Olanda, Svezia, Lussemburgo, Austria e Giappone. E’ Organista della chiesa di Sant’Ignazio di Loyola in Pistoia (al celebre organo Willem Hermans del 1664 sul quale ha registrato un disco per La Bottega Discantica) e della chiesa di San Francesco (all’organo William Hill and Son, 1896, dell’Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia).
Nel 2011, per Elegia Records ha effettuato una registrazione discografica dedicata alle opere per organo di Giuseppe Gherardeschi (1759-1815).
E’ titolare della cattedra di Teoria, ritmica e percezione musicale al Conservatorio di Musica di Perugia ed è stato docente ai corsi di perfezionamento della Shirakawa Italian Organ Music Academy (Giappone) dal 2009 al 2015.