Come le proteste dell’Iran per il codice di abbigliamento suscitano indignazione pubblica

L’uccisione di una giovane donna in custodia di polizia a settembre dopo che era stata detenuta per aver violato il rigido codice di abbigliamento iraniano ha scatenato violente proteste in tutto il paese. L’indignazione pubblica inizialmente si è concentrata sulla cosiddetta pattuglia di orientamento – ufficiali che prendono di mira le donne che considerano vestite in modo inappropriato in pubblico – ma presto si è ampliata per includere rimostranze decennali nei confronti del governo in generale. A differenza delle precedenti proteste, le manifestazioni in corso hanno unito le persone lungo linee di classe ed etniche e oltre i confini provinciali. I manifestanti hanno dovuto affrontare un’importante repressione da parte delle forze di sicurezza, che mantengono una salda presa sul paese nella loro ricerca per proteggere l’establishment religioso.

1. Cosa ha scatenato le proteste?

La causa diretta è stata la morte della 22enne Mahsa Amini in custodia di polizia, che è stata annunciata il 16 settembre, secondo i media statali, aveva viaggiato dalla regione del Kurdistan occidentale con la sua famiglia a Teheran, dove c’è una pattuglia di estensione . La squadra l’ha trattenuta fuori da una stazione della metropolitana, sostenendo che era vestita in modo inappropriato. Amini è stato costretto a salire su un minibus e portato in una stazione di polizia, secondo un resoconto del quotidiano riformista Al Sharq. Dopo la notizia della sua morte, la televisione di stato iraniana ha diffuso filmati a circuito chiuso di Amini che crolla su una sedia e sul pavimento. La polizia di Teheran ha detto che aveva sofferto di “insufficienza cardiaca”. Suo padre, Amjad Amini, ha detto alla BBC che i medici l’hanno trovata svenuta fuori dall’ospedale senza alcuna spiegazione per lei o cosa le fosse successo. Cadde in coma e morì due giorni dopo. La sua famiglia ha accusato le autorità di averla picchiata e insabbiata, dicendo che non aveva condizioni di salute di base.

2. Quanto è profonda la rabbia?

Grandi proteste sono state segnalate in dozzine di città in tutto l’Iran. Hanno attraversato i confini etnici, toccando un nervo particolarmente sensibile nella comunità curda di Mahsa Amini nell’Iran occidentale, dove le persone si lamentano da tempo di essere emarginate dallo stato. Celebrità, politici e atleti hanno condannato la polizia sui social media e hanno anche criticato le pattuglie di estensione, che hanno aumentato la loro attività dopo l’elezione del governatore Ebrahim Raisi lo scorso anno alla presidenza iraniana. Diversi attori e calciatori che hanno parlato sono stati arrestati. Le giovani donne si sono tolte il velo e, in molti casi, le hanno bruciate o tagliate i capelli in pubblico in solidarietà con Amini. Uno degli aspetti più strani delle proteste è che sono guidate da donne.

READ  La Gran Bretagna annuncia nuove sanzioni aeronautiche contro la Russia

3. Perché la rabbia si è diffusa per altri motivi?

I disordini sfruttano la più ampia frustrazione dei governanti intransigenti dell’Iran per lo stato dell’economia pesantemente sanzionata, la corruzione radicata e le restrizioni sociali. I filmati delle proteste sui social media, nessuno dei quali può essere verificato da Bloomberg, mostravano manifestanti che picchiavano le forze di sicurezza, dimostrando un livello di coraggio mai visto nelle proteste precedenti. Gli stessi video mostrano manifestanti colpiti, picchiati e attaccati dalla polizia antisommossa.

4. Cosa chiedono i manifestanti?

Vogliono almeno abolire le leggi che impongono l’hijab obbligatorio (il termine usato nell’Islam per descrivere l’abbigliamento modesto) per tutte le donne dall’età di nove anni. Più in generale, vogliono che la legge iraniana sia meno governata da dittature religiose che di solito provengono da chierici anziani che sono spesso distanti dalla società. Le regole prevedono un chador – un mantello nero che avvolge il corpo dalla testa ai piedi – o cappotti lunghi e larghi e foulard strettamente legati. Le leggi sono entrate in vigore dopo la rivoluzione del 1979, quando il religioso in esilio, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, è tornato in Iran, cacciando lo scià filo-occidentale. Sono diventati immediatamente impopolari tra la classe media istruita del paese e gli attivisti divisi che hanno combattuto per la rivoluzione. Nel corso degli anni, le donne sono andate progressivamente oltre i limiti del consentito. Scialli e abiti larghi, spesso aperti e indossati con leggings, sono indumenti comuni nella maggior parte delle città e sono simili a quelli che indossava Amini quando veniva trattenuta.

5. È questa la prima protesta contro le leggi sul velo?

L’opposizione ai codici di abbigliamento è stata una caratteristica della società civile strettamente controllata del paese sin dalla rivoluzione. Le prime grandi proteste in occasione della Giornata internazionale della donna furono nel 1979, quando donne laiche e religiose unirono le forze per sfidare la proposta di legge nei raduni a Teheran. Negli ultimi anni, i rimproveri pubblici hanno assunto la forma di silenziosi atti di protesta come nel 2017, quando un certo numero di donne sono state fotografate in piedi su quadri e panche elettriche pubbliche a Teheran, con il velo in alto. Sono stati tutti arrestati e alcuni sono stati visti essere spinti a terra dalla polizia. Ad agosto, una donna di nome Sibedeh Rachno è stata arrestata e costretta a fare una confessione alla televisione di stato dopo essere stata filmata mentre litigava con una persona che indossava il chador che stava molestando un’altra giovane donna per i suoi vestiti. Il viso di Rachno mostrava chiari segni di lividi e gonfiore.

READ  Il presidente dice che "l'Ucraina vincerà sicuramente" l'Ucraina

6. Come hanno risposto le autorità alle proteste in corso?

Le forze di sicurezza, tra cui la polizia antisommossa armata, le forze di sicurezza in borghese e la milizia religiosa nota come Basij, hanno tentato di sedare le proteste accusando i manifestanti di manganelli e detonatori elettrici. Ci sono notizie diffuse sull’uso di equipaggiamento antisommossa e pistole paintball. L’Organizzazione iraniana per i diritti umani con sede a Oslo ha affermato che almeno 133 persone sono state uccise finora. Nonostante ciò, sembra che le autorità non abbiano fatto ricorso alle uccisioni tanto quanto hanno fatto durante le proteste del novembre 2019, quando gruppi per i diritti umani hanno affermato che centinaia di persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco per le strade di varie città. Il 4 ottobre, il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, nei suoi primi commenti davanti alle proteste, ha promesso il suo sostegno alle forze di sicurezza, denunciando i manifestanti per aver sfidato la polizia e sostenendo che le manifestazioni erano state progettate da Stati Uniti e Israele. Ci sono state segnalazioni di Extension Patrol scomparse dalle strade, ma non è chiaro se continuerà.

7. Quali sono state le precedenti proteste?

La più grande sfida interna del governo è arrivata nel 2009 dal cosiddetto Movimento Verde, innescato dalle accuse di frode nella rielezione del presidente Mahmoud Ahmadinejad. Le manifestazioni si sono concentrate principalmente su questioni politiche e hanno attirato milioni di iraniani della classe media a Teheran. Lo stato ha reagito rapidamente allo schiacciante dissenso, con decine di morti, centinaia di arresti e l’accesso a Internet gravemente ostacolato. Ma le proteste continuano a divampare e vengono represse:

• Nel maggio 2022, sono scoppiate manifestazioni nel sud-ovest dell’Iran dopo che un edificio di 10 piani, mal costruito e commissionato da un funzionario del governo, è crollato provocando la morte di almeno 40 persone.

• Nel gennaio 2020, le forze di sicurezza iraniane hanno erroneamente abbattuto un aereo passeggeri, uccidendo tutte le 176 persone a bordo, scatenando proteste. La rabbia popolare ha alimentato per giorni l’incompetenza dell’establishment della sicurezza e gli sforzi per nascondere la colpa dello stato.

• A novembre 2019 sono scoppiate le proteste a causa del forte e improvviso aumento del prezzo della benzina richiesto dal governo, che sovvenziona il carburante. Gli iraniani erano già sotto pressione dalle sanzioni statunitensi, imposte l’anno precedente dal presidente Donald Trump. Le forze di sicurezza hanno risposto con una forza letale.

READ  I salari reali del Regno Unito stanno scendendo a un ritmo record con l'aumento dell'inflazione

• Alla fine del 2017, gli iraniani sono scesi in piazza per esprimere la loro frustrazione per l’insicurezza economica nelle proteste che si sono espanse fino a includere l’opposizione al regime.

• Nella provincia del Khuzestan, ricca di petrolio, nel sud-ovest, che ha una numerosa popolazione araba, una minoranza per lo più dell’Iran persiano, si stanno diffondendo proteste contro la corruzione e la povertà, che ha portato a un giro di vite da parte delle forze di sicurezza.

8. Qual è lo stato dell’opposizione in Iran?

Non esiste un’opposizione legittima e organizzata all’interno dell’Iran. Le persone sono particolarmente critiche nei confronti della leadership, ma queste opinioni si riflettono raramente nei media fortemente regolamentati. Le uniche fazioni politiche che possono operare sono quelle che sostengono i valori fondamentali della Repubblica Islamica. Laicisti, comunisti e gruppi che promuovono religioni diverse dall’Islam sono effettivamente banditi. I politici iraniani rientrano all’incirca in tre categorie: ultra-conservatori come il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, conservatori moderati o pragmatici come l’ex presidente Hassan Rouhani o Ali Larijani e riformisti come l’ex presidente Mohammad Khatami. I riformatori ritengono che il sistema politico dovrebbe essere aperto al miglioramento, ma la loro popolarità e influenza sono diminuite dal governo Rouhani: si ritiene che non mantenga numerose promesse per migliorare le libertà civili ed è stato anche accusato di aver gestito male l’economia dopo gli Stati Uniti abbandonato. L’accordo nucleare del 2015 è avvenuto quattro anni fa e ha ripristinato le sanzioni.

9. Cosa protegge il sistema attuale?

Khamenei ha stretto una forte relazione con il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, l’ala più grande e potente dell’esercito iraniano, che ha contribuito a consolidare la sua posizione. Khamenei è l’autorità suprema dietro tutte le principali decisioni statali, compresa la politica economica ed estera, ed è anche il capo di fatto di diverse grandi istituzioni religiose che gestiscono alcuni dei più grandi conglomerati e fondi pensione del paese. È questo consolidamento del potere militare e dell’influenza economica che ha aiutato la Repubblica islamica, nella sua forma attuale, a mantenere la sua presa di ferro sulla politica. Tutte le principali istituzioni statali dell’Iran, dall’emittente statale (che ha il monopolio completo sui servizi di radiodiffusione) alla magistratura, sono gestite da persone vicine o politicamente allineate con la Guida Suprema. Dall’elezione di Raisi lo scorso anno, tutti gli strumenti dello Stato e del governo iraniani sono stati sotto il controllo di estremisti che difendono ferocemente la centralità della loro ideologia islamica.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply