Celtics vs. Warriors segna, takeaway: Stephen Curry fa esplodere per 43 punti per pareggiare la serie Golden State 2-2.

La quarta partita della finale NBA tra i Golden State Warriors e i Boston Celtics è stata fondamentalmente una rissa dei pesi massimi per 48 minuti, con entrambe le parti che hanno messo a segno grandi colpi. Tuttavia, alla fine, Stephen Curry e i Warriors hanno vinto la serie 2-2 107-97 e hanno giocato abbastanza per mantenere vive le loro aspirazioni al campionato.

Curry è stato fantastico per aver concluso con 43 punti con 10 rimbalzi dal Golden State, ma era tutt’altro che l’unico giocatore dei Warriors a fare un grande progresso quando la squadra aveva così tanto bisogno di lui, dato che Andrew Wiggins ha giocato una partita mostruosa. Di sua proprietà con 17 punti e 16 rimbalzi. Clay Thompson e Jordan Poole hanno contribuito con 32 punti ciascuno.

All’altra estremità dello spettro, Jason Tatum e Jaylan Brown guidavano la carica per Boston, ma i loro sforzi non sono stati sufficienti per i Celtics per eguagliare la notte di Carrie.

Con la vittoria dei Warriors, la partita 5 di lunedì sera al Chase Center dovrebbe essere intensa come qualsiasi altra partita che abbiamo visto nella post-stagione.

Ecco tre punti chiave del gioco:

1. Il curry ha una serata speciale

Steph Curry è stato molto bravo nelle prime tre partite della serie ed è stato anche meglio venerdì sera. Ha concluso con 43 punti, 10 rimbalzi e quattro assist, realizzando sette punti da 3 e realizzando 14 tiri su 26 dal campo. Questa è davvero una grande prestazione da uno dei migliori di tutti i tempi nel gioco.

All’inizio, non era come alcune estensioni di Game 1 o Game 3 in cui i Celtics avevano delle pause all’estremità difensiva e davano più spazio al curry. Erano in sciopero, inseguendo il curry per tutto il campo e ottenendo buoni abbinamenti sulla maggior parte dei suoi tiri. Non importa. È stato il miglior tiratore di tutti i tempi e lo ha dimostrato ancora una volta in Gara 4.

READ  Le prove suggeriscono che Trev Nova non avesse nulla a che fare con la cancellazione del programma Grammy di Kanye West

Inoltre, i Warriors avevano bisogno di ciascuno dei 43 punti di Carrie. Erano in viaggio in un ambiente ostile, in svantaggio 2-1. Niente è andato davvero a nessun altro – il resto della squadra ha tirato il 40 percento fuori dal campo – e ci sono stati diversi punti durante la notte in cui i Celtics sembravano essere in movimento. Curry non lo permetterà mai.

Clay Thompson, che è stato con Curry per l’intera corsa, l’ha definita la sua migliore prestazione della finale:

“Penso [it ranks] Probabilmente numero. 1, “ha detto Thompson.” Voglio dire, era quasi una partita da vincere, e per andare lì e sparare con la stessa efficienza di lui, e catturare 10 rimbalzi, lo hanno attaccato in difesa; Voglio dire, il suo condizionamento è il secondo in questo campionato. Steff ha giocato incredibilmente bene.

2. Il gioco in ritardo dei Celtics li brucia indietro

I Celtics hanno concluso la stagione regolare 28-7 e, stranamente, avrebbero potuto fare molto meglio negli ultimi mesi. 20 di queste vittorie sono arrivate in doppia cifra, di cui 15 erano almeno 20 punti. Stavano distruggendo completamente le squadre, il che significava che non avevano molte opportunità di lavorare su uno dei loro principali inconvenienti: l’attacco nel gioco in ritardo.

Anche ai playoff è un po’ la stessa storia. Otto delle loro 14 vincite sono a doppia cifra e quel numero dovrebbe essere più alto. Con l’eccezione del primo turno di gioco 1 contro i Brooklyn Nets, non ci sono stati momenti finali positivi da questa squadra. Non sono stati in grado di prendere un vantaggio in ritardo in Gara 3 contro i Milwaukee Bucks e sono crollati completamente in Gara 5 della serie. Nella finale della Eastern Conference contro gli Heat, non sono riusciti a tornare in gara 3, non sono riusciti a mantenere un vantaggio in ritardo in gara 6 e hanno lanciato disastrosamente gara 7.

READ  È possibile fermare il cambiamento climatico, ma il tempo stringe, avverte il panel delle Nazioni Unite

Ora, il gioco 4 delle finali può essere aggiunto all’elenco dei combattimenti a fine partita. A metà del quarto, Jaylan Brown ha preso la partita per un breve periodo. Marcus Smart ha poi aggiunto un tiro libero per fare 91-86 Celtics 7:32 a sinistra. Avevano una finestra per andarsene e potevano andare 3-1. Invece, hanno segnato i restanti sei punti della partita e hanno rinunciato al vantaggio sul campo di casa.

“Sono rimasto un po’ sbalordito”, ha detto l’allenatore dei Celtics Ime Utoka. “Quando abbiamo guidato le corse sulla palla e fatto alcune mosse, abbiamo avuto un bell’aspetto”.

“Abbiamo raccolto rapidamente la palla e volevamo commettere un crimine. Se non avessimo nulla, lasciamo che continuino a far scorrere il tempo. Molte volte ci siamo sentiti come se fossimo in piedi senza sapere a chi stavamo cercando di andare. Poi, ha portato a beni confiscati”.

Quando una partita ha cinque minuti o meno dalla fine entro cinque punti, viene definita tempo di frizione e in gara 4 i Warriors hanno battuto i Celtics 15-0 in quei minuti. Questa è la più grande differenza nella partita finale degli ultimi 25 anni. , Secondo le statistiche e le informazioni ESPN.

3. Wiggins colpisce il vetro

Dopo il suo ruolo da protagonista nella difesa di Luca Tansik nelle finali della Western Conference, Andrew Wiggins si è sentito come un uomo a volte dimenticato nella serie. Sebbene non sia stato male nelle prime tre partite, non ha avuto un grande impatto. Si è scoperto nel gioco 4, anche se non come ti aspettavi.

Prima della partita, l’allenatore dei Warriors Steve Kerr ha inserito Otto Porter Jr. nella formazione titolare di Kevon Looney. Ridurre le dimensioni ha i suoi vantaggi, ma la rigenerazione di solito non è uno di questi e abbiamo visto i guerrieri essere schiacciati sul vetro nel gioco 3. Venerdì è stato di nuovo un rischio, ma i Vichinghi non lo hanno permesso.

“Vix è stato fantastico”, ha detto Kerr. “Per andare contro Boston, devi fare i conti con Tottenham e Brown. Sono giocatori potenti e di talento. Grandi dimensioni. Vengono costantemente verso di te, quindi dobbiamo tenere fuori il Vix. Pensavo che lo fosse. – Ciao e in più -20 di notte. Quindi avevamo bisogno di ogni contributo di stoppini. “

Era una macchina della classe, ottenendo i 16 rimbalzi più alti nella vita per aiutare i Warriors a vincere la battaglia in arrivo 55-42. Sebbene abbia svolto la maggior parte del suo lavoro sul vetro difensivo, i Warriors hanno escogitato alcune pochette da scarpe nel quarto quarto e hanno segnato alcuni grandi punti non curry. I Warriors avevano 19 secondi punti possibilità rispetto ai 12 punti dei Celtics in una partita vinta di 10 punti.

La maggior parte della copertura di questo gioco si concentrerà sul curry. Non è stato il viaggio più eccitante o con i punteggi più alti della sua vita, ma è stato il suo più importante. Ha concluso con 17 punti e 16 rimbalzi in 43 minuti, ei Warriors sono diventati un plus-20 con lui.

“Voglio vincere”, ha detto Wiggins. “So che rialzarsi è una parte importante. Voglio vincere. A volte sembra che stiamo giocando in piccolo. Quindi andrò lì e cercherò di rialzarmi, aiutare la squadra”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply