Bryson DeShampoo si unisce alla LIV Golf Invitational Series

Bryson De Shampooil campione degli US Open 2020, si unirà alla LIV Golf Invitational Series, una fonte confermata a ESPN mercoledì.

Patrizio Reedil campione Masters 2018, si unirà anche alla serie LIV, secondo diversi rapporti.

DeChambeau e Reed dovrebbero competere nel primo evento LIV Golf negli Stati Uniti, in programma a Pumpkin Ridge a Portland, Oregon, dal 30 giugno al 2 luglio.

Un portavoce di LIV Golf ha rifiutato di commentare.

“Bryson è sempre stato innovativo”, ha detto mercoledì a ESPN l’agente di DeChambeau, Brett Falkoff di GSE Worldwide. “Avere la possibilità di fare un passo al piano terra per qualcosa di unico è sempre stato un interesse per lui. Il golf professionistico come lo conosciamo sta cambiando e sta accadendo velocemente”.

Sarà un altro duro colpo per il PGA Tour, che ha negato di aver innescato eventi contrastanti per i giocatori che hanno chiesto loro di competere nei tornei di LIV Golf. Gli eventi sono finanziati dal Fondo per gli investimenti pubblici del Regno dell’Arabia Saudita.

DeChambeau e Reed sono due dei giocatori più polarizzanti del tour.

Le aggiunte di DeChambeau e Reed LIV Golf daranno non meno di nove voucher per ex campioni del PGA Tour. Sei volte campione principale Phil MickelsonDue volte i vincitori principali Dustin Johnson E il Martin Kaymer e altri quattro – Sergio Garcia (Maestri 2017), Carlo Schwarzl (laurea magistrale 2011), Graeme McDowell (US Open 2010) e Louis Oosthuizen (Campionato Open 2010) – Gareggiano nell’evento inaugurale LIV Golf, che inizia giovedì al Centurion Club fuori Londra.

Il commissario del PGA Tour Jay Monahan ha minacciato i giocatori che hanno gareggiato senza essere rilasciati con potenziali sanzioni, comprese multe, sospensioni e/o ban. Una manciata di giocatori, tra cui Johnson, Garcia, Schwartzell e Kevin Naabbandona il tour.

READ  Note sui giganti: Logan Webb domina Padres 2-1

DeChambeau, 28 anni, è stato uno dei primi obiettivi di LIV Golf. Ha detto al memoriale la scorsa settimana che intende continuare a giocare nel PGA Tour.

“Penso che sia principalmente – molto è speciale”, ha detto DeChambeau. “Non ci sono davvero conversazioni da avere su questo, a parte il fatto che, tipo, tutti qui hanno la propria opinione. Io, ovviamente ci sono molte conversazioni. Per me, personalmente non lo penso in questo momento il tempo in cui sono in un posto nella mia carriera è dove posso rischiare cose del genere.

“Sono fedele alla famiglia che ho costruito intorno a me con gli sponsor e tutto il resto. A partire da ora, il mondo del golf è destinato a cambiare in qualche modo. Non so cosa sia. Non è il mio lavoro farlo . Continuerò a giocare e divertirmi a golf professionistico ovunque mi porti, e a giocare con i miei migliori giocatori del mondo. Questo è tutto ciò che ho davvero, ed è quello che farò per il resto della mia vita, perché voglio essere uno dei migliori giocatori del mondo”.

Otto volte vincitore del PGA Tour, DeChambeau ha collezionato solo sei presenze in questa stagione a causa di un infortunio alla mano sinistra, che ha richiesto un intervento chirurgico ad aprile. Classificato 28° nella classifica ufficiale mondiale del golf.

Reed, 31 anni, ha nove vittorie al PGA Tour e ha guadagnato quasi $ 37 milioni nella sua carriera. Reed ha lottato dopo essere stato ricoverato in ospedale per una doppia polmonite ad agosto. È al 36° posto nel mondo.

Campione PGA Giustino TommasoParlando mercoledì dalla stazione PGA Tour in Canada, ha ribadito le idee precedenti secondo cui i suoi coetanei hanno il diritto di scegliere dove vogliono suonare.

READ  I produttori di birra firmeranno con Andrew McCutchen

Ha detto: “Sai, è un problema. Voglio dire, penso che molti di noi lo siano – non so se la parola giusta è infastidito o stanco. Voglio dire, è solo una di quelle cose”.

“Non odio il DJ [Dustin Johnson] Ora, ha continuato a dire. Non penso che sia un cattivo ragazzo. Non lo tratterei diversamente. Sembra che abbia il diritto di scegliere come vuole. Come ho detto, questo non lo rende una persona cattiva. Ora sono deluso e spero che lui e gli altri non lo facciano, ma questa è una loro decisione”.

Tom Van Haren di ESPN ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply