Biden invia di nuovo ogni segnale che fa

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

I consiglieri del presidente Biden hanno studiato un annuncio di rielezione per la primavera del 2023 che rispecchierebbe il calendario dell’ex presidente Barack Obama. Hanno scaricato gli stati sul campo di battaglia nel 2024 con milioni di dollari per costruire processi democratici in vista della prossima campagna presidenziale.

Guidato dalla squadra di Biden, il Comitato Nazionale Democratico ha deciso di non programmare un dibattito per una contestata battaglia per la nomina.

L’obiettivo dei suoi consiglieri è inviare ogni possibile messaggio che Biden, 79 anni, è pronto, capace e intenzionato a portare la bandiera del partito in un’altra elezione presidenziale, soprattutto se l’avversario è il suo avversario, Donald Trump, 76 anni.

Con i gradi di approvazione di Biden ancora bassi e le prospettive di una recessione alta il prossimo anno, la pianificazione è in parte uno sforzo, se non del tutto riuscito, Per placare la preoccupazione dell’opinione pubblica nel partito sulla sua capacità di condurre una campagna convenzionale A causa della sua età e del suo livello di energia.

“Se Trump si candiderà, non c’è dubbio che Biden correrà, e probabilmente correrà a prescindere”, ha detto Greg Schultz, che è stato il primo responsabile della campagna di Biden durante le primarie del 2020.

L’ex senatore democratico Chris Dodd, stretto alleato e amico di Biden, ha affermato che non c’era motivo di credere che il presidente non si sarebbe candidato di nuovo. “L’unica cosa che posso garantirti è che non si arrende”, ha detto Dodd. “C’è sempre qualche speculazione in ogni amministrazione, ma dalle mie conversazioni, è di nuovo un uomo che corre”.

In pubblico e in privato, lo stesso Biden ha affermato di essere in corsa, chiudendo di fatto qualsiasi discussione sull’argomento tra il presidente ei suoi stretti consiglieri, secondo le interviste con più di una dozzina di democratici vicini alla Casa Bianca, la maggior parte dei quali ha parlato. A condizione di anonimato per discutere conversazioni private.

Biden è ancora consumato dall’inflazione, dalla guerra in Ucraina e da altre crisi quotidiane che raggiungono il suo ufficio, e anche quando gli assistenti hanno dovuto riaffermare pubblicamente più e più volte di essere in corsa nel 2024, non ci sono piani per accelerare l’ufficialità lancio della sua campagna di rielezione, frustrante Alcuni Democratici stanno cercando di finalizzare i propri piani.

Molti eminenti democratici stanno manovrando nel caso Biden cambi idea, poiché donatori, legislatori e strateghi si preoccupano della sua età e della sua capacità di condurre una campagna estenuante. Se Biden viene rieletto, avrà 86 anni entro la fine del suo secondo mandato.

I dibattiti sul futuro politico di Bid arrivano in un momento di profonda preoccupazione all’interno del Partito Democratico sulla sua capacità di identificare i suoi oppositori repubblicani e di placare le preoccupazioni degli elettori sull’aumento dei prezzi e sull’aumento della criminalità. Per mesi, c’è stata una preoccupazione diffusa per la Casa Bianca che lotta per trasmettere un messaggio chiaro come il suo valutazioni di approvazione ancora basso.

READ  Guerra russo-ucraina, Blinken e Mariupol News: aggiornamenti in tempo reale

I repubblicani attaccano quotidianamente Biden e i Democratici per non averli tenuti a freno aumento di prezzoL’aumento della criminalità e un afflusso di immigrati al confine meridionale, mentre esamina le questioni sociali relative alla giustizia razziale, al curriculum e ai diritti dei transgender.

Al contrario, la Casa Bianca non ha avanzato un’argomentazione chiara sul motivo per cui gli elettori hanno scelto i democratici rispetto ai repubblicani in autunno, hanno affermato molti strateghi del partito, alternando attacchi all’avidità aziendale e denuncia “UltraMAGArepubblicani.

C’è anche una diffusa preoccupazione nel partito per la capacità di Biden di esibirsi con forza in un’altra elezione, soprattutto dopo che l’ultima campagna si è svolta in gran parte nel mezzo della pandemia di coronavirus. Mentre Biden può affermare di aver già dimostrato la sua capacità di sconfiggere Trump, se l’ex presidente sceglie di non candidarsi, alcuni attivisti democratici hanno affermato che Biden dovrà affrontare pressioni per dimettersi.

“Penso che le persone lo guardino con le mascelle serrate e molta tensione nei loro corpi, sperando che in qualsiasi momento non faccia nulla di male”, ha detto un analista elettorale democratico senior, che ha parlato in condizione di anonimato per descrivere questioni delicate. “Ovviamente è difficile farlo come presidente, ed è davvero difficile farlo come presidente in corsa per la rielezione”. Alla domanda se sarebbe una buona idea per i Democratici far correre di nuovo Biden, la persona ha detto: “Penso che sia solo un lancio di monete”.

I piani di rielezione di Biden non dipendono interamente da ciò che Trump fa, ma i suoi aiutanti e alleati concordano sul fatto che il presidente non cambierà certamente idea sulla possibilità di candidarsi di nuovo se Trump è il candidato repubblicano ed è abbastanza sano per fare campagna, un fatto che Biden ha riconosciuto. Biden considera la sua sconfitta di Trump, che vede come un disgregatore delle tradizioni democratiche americane, al centro della sua eredità.

“Perché non dovrei oppormi a Donald Trump se è il candidato?” Lo ha detto a ABC News a dicembre. “Ciò aumenterebbe la probabilità di correre”. A marzo, Biden sembrava godersi la prospettiva di una rivincita. “Nelle prossime elezioni, sarò molto fortunato se questo stesso uomo si metterà contro di me”, ha detto in una conferenza stampa a Bruxelles.

I sostenitori di Biden sostengono che negli ultimi anni abbia dimostrato acume politico e abilità nel governo e che non ci sono prove che qualcun altro nel partito farebbe meglio.

“Questo ragazzo ha battuto Trump una volta, e penso che lo batterà di nuovo se Trump è un candidato”, ha detto Dodd. “Molti dei problemi che deve affrontare non hanno nulla a che fare con il suo lavoro. Chi si sarebbe aspettato l’Ucraina? L’ha gestito con grande raffinatezza”.

READ  Una nave da guerra americana arriva a Stoccolma per condurre esercitazioni militari e mettere in guardia

Dodd ha trascorso la scorsa settimana con il presidente dentro Los Angeles Al Vertice delle Americhe ha elogiato le capacità diplomatiche di Biden e la consapevolezza delle spinose questioni all’ordine del giorno. “Abbiamo pranzato in privato con tutti i capi di stato”, ha detto Dodd. “Tutti dovrebbero fare domande. È stato fantastico. Dimentichiamo quanto poteva essere bravo e quanto fosse davvero bravo in quei posti”.

Mentre i sostenitori di Biden liquidano i pettegolezzi come una tipica preoccupazione democratica, i suoi collaboratori hanno sentito il bisogno di ripetere costantemente le sue intenzioni. Karen Jean-Pierre, addetta stampa della Casa Bianca twittare su Lunedì dopo aver ricevuto una raffica di domande sul suo futuro politico.

Ma un sottogruppo del Partito Democratico rimane convinto che ci siano buone possibilità che Biden alla fine non spinga per un’altra campagna, e molti non vedono il vicepresidente Harris come un successore adatto, soprattutto dato il modo in cui la sua campagna per le primarie presidenziali del 2020 si è svolta. manovra tra i leader democratici, che hanno promesso di non correre contro Biden ma vedono un’opportunità se si ritirasse.

Il governatore dell’Illinois JB Pritzker, D., parla sabato nel New Hampshire alla convention annuale democratica dello stato. aiutanti a Il senatore Bernie Sanders (I-Vt.) ha scritto in una nota agli alleati che “non ha escluso un’altra candidatura presidenziale” se Biden non si fosse candidato, anche se il rappresentante di 80 anni ha recentemente affermato: “Penso che Biden lo farebbe” forse corri di nuovo, un altro, e se corre di nuovo lo sosterrò”.

Nel gruppo potrebbero essere presenti anche diversi candidati democratici del 2020, tra cui il segretario ai trasporti Pete Buttigieg, la senatrice Elizabeth Warren (Mass.), la senatrice Amy Klobuchar (Minnesota) e la senatrice Cory Booker (NJ).

Nel frattempo, l’incertezza su quando Biden sarà ufficialmente annunciato, insieme ai ricordi del lungo processo decisionale dell’ultima campagna, stanno rendendo nervosi i Democratici. I suoi consiglieri erano frustrati all’inizio del 2019 quando Biden ha ripetutamente ritardato un annuncio presidenziale, rendendo più difficile competere per il personale chiave nei primi stati candidati. Ha annunciato la sua campagna alla fine di aprile di quell’anno, mesi dopo rispetto alla maggior parte dei suoi concorrenti.

Alcuni democratici ora sperano che Biden annuncerà formalmente la sua candidatura per un altro mandato dopo le elezioni di metà mandato di novembre, ma gli assistenti affermano che è improbabile a questo punto. Questo tempismo potrebbe essere imbarazzante se i Democratici subissero perdite devastanti come previsto.

Poco dopo l’insediamento di Biden, i suoi consiglieri hanno escluso una ripetizione dell’approccio di Trump alla rielezione nel 2020, che includeva la formazione di un comitato per la raccolta fondi alla sua inaugurazione nel 2017.

Invece, il team di Biden ha concentrato i suoi sforzi di raccolta fondi sul Comitato Nazionale Democratico, consentendo alle persone facoltose di scrivere assegni più grandi. Il comitato, a sua volta, stava spendendo soldi all’inizio del 2024 in uno stato costiero che gareggiava nelle gare del Senato e della Camera.

READ  Gli Stati Uniti esortano l'Ucraina a inviare più armi tra i timori di ricadute della guerra

Anche i membri della famiglia di Biden, che sono stati determinanti nella sua spinta verso la gara del 2020, potrebbero svolgere un ruolo importante questa volta. Biden racconta spesso la storia dei suoi nipoti che hanno convocato una riunione di famiglia e lo hanno esortato a correre, e Jill Biden ha detto di essere stata influenzata da estranei che hanno chiesto a suo marito di partecipare a quella campagna.

Valerie Biden, la sorella del presidente che è stata strettamente coinvolta nelle sue campagne prima di fare marcia indietro nel 2020, ha detto ad altri di essere frustrata dal fatto che i principali aiutanti di suo fratello non avessero più contatti con la famiglia, secondo una persona che ha familiarità con la dinamica, che ha parlato. A condizione di anonimato per descrivere questioni private.

Mentre il rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez (DN.Y.), parlando di recente Sulla CNN, rifiutando di approvare esplicitamente la sua rielezione, non ci sono chiare indicazioni all’interno del partito che ci sia uno sforzo attivo per mettere da parte Biden se vuole candidarsi. Ma permangono preoccupazioni sulle sue prospettive, soprattutto perché Trump indica che sta fortemente considerando di correre durante le audizioni della commissione della Camera. Promemoria incredibile È un chiaro disprezzo per le norme democratiche.

Biden si è candidato alla presidenza nel 2020 promettendo “una leadership forte, stabile e stabile”, anche se i Democratici ammettono che la sua posizione ha subito un duro colpo sotto la sua amministrazione, che ha incluso un ritiro fallito dall’Afghanistan e il fallimento nell’unire i Democratici attorno alla sua agenda legislativa. Un sondaggio del Wall Street Journal di marzo ha mostrato che il 57% degli americani disapprovava il lavoro che Biden stava facendo per “essere un leader forte”.

Gli strateghi di Biden sono incoraggiati dal continuo supporto al suo personaggio, che sperano contrasti bene con Trump nella rivincita. Lo stesso sondaggio ha rilevato che gli americani credono che Biden stia “cercando di fare la cosa giusta” con un margine dal 50% al 48%. I democratici sottolineano inoltre che, nonostante l’inflazione storicamente elevata, l’economia sotto Biden è stata fiorente in molti modi, con una forte crescita dell’occupazione e una bassa disoccupazione.

“Nel suo primo anno, ha dato ai Democratici un solido record per competere a novembre: un tasso di disoccupazione storicamente basso del 3,6% e oltre 8 milioni di posti di lavoro aggiunti all’economia, inclusi oltre mezzo milione di posti di lavoro nel settore manifatturiero”, presidente del Comitato Nazionale Democratico Jaime Harrison ha detto in una nota. “Posso dirvi in ​​prima persona che i Democratici sono uniti dietro il presidente, su tutta la linea”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply