Betelgeuse si sta riprendendo dal livello più alto del 2019

Ingrandisci / La concezione dell’artista del 2021 ha fornito un primo piano della superficie irregolare di Betelgeuse e delle gigantesche bolle di gas dinamiche, con stelle lontane che punteggiano lo sfondo.

Osservatorio Europeo Meridionale

Gli astronomi stanno ancora facendo nuove scoperte sulla stella gigante rossa Betelgeuse, che ha vissuto una misteriosa “oscurità” alcuni anni fa. Questo oscuramento è in definitiva attribuito a un punto freddo e a un “rutto” stellare che ha ricoperto la stella di polvere interstellare. Ora, nuove osservazioni del telescopio spaziale Hubble e di altri osservatori hanno rivelato di più sull’evento che ha preceduto il blackout.

Betelgeuse sembra aver subito un massiccio evento di Surface Mass Injection (SME) nel 2019, che ha fatto esplodere una massa 400 volte la massa del nostro Sole durante le espulsioni di massa coronale (CME). La vastità dell’evento non ha precedenti e indica che le grandi, medie e piccole e medie imprese sono diversi tipi di eventi, a seconda nuova carta Inserito in arXiv Physics la scorsa settimana. (È stato accettato per la pubblicazione su The Astrophysical Journal.)

Betelgeuse è una stella rossa brillante nella costellazione di Orione.Una delle stelle massicce più vicine sulla Terra, distante circa 700 anni luce. È un’antica stella che ha raggiunto lo stadio in cui si illumina di rosso opaco e si sta espandendo, con solo un nucleo caldo che ha una debole presa gravitazionale sui suoi strati esterni. La stella ha quello che sembra un battito cardiaco, anche se molto lento e irregolare. Nel tempo, la stella ruota attraverso periodi in cui la sua superficie si espande e poi si contrae.

READ  Quando raggiungerà il suo culmine e altre date lunari

Uno di questi corsi è abbastanza regolare e richiede poco più di cinque anni per essere completato. È un ciclo più breve e più irregolare che richiede da meno di un anno a 1,5 anni per essere completato. Sebbene i cicli siano facili da tracciare con i telescopi terrestri, gli spostamenti non causano il tipo di cambiamenti drastici nella luce della stella che spiegherebbero i cambiamenti osservati durante l’evento di attenuazione.

come siamo Ho accennato primaPer la prima volta, gli astronomi hanno osservato uno strano, drammatico oscuramento della luce proveniente da Betelgeuse Nel dicembre 2019. La stella è svenuta così tanto che la differenza era visibile ad occhio nudo. L’oscuramento è continuato, con la luminosità che è scesa del 35% a metà febbraio prima di brillare di nuovo ad aprile 2020.

Gli astronomi si sono perplessi su questo fenomeno e si sono chiesti se sia un segno che la stella sta per trasformarsi in una supernova. Dopo diversi mesi, hanno ristretto le spiegazioni più probabili a due: un punto freddo di breve durata sulla superficie meridionale della stella (simile a una macchia solare) o una massa di polvere che faceva apparire la stella debole agli osservatori sulla Terra. l’anno scorso, Gli astronomi hanno deciso Questa polvere era colpevole principaleassociato alla comparsa del punto freddo per un breve periodo.

Il team dell’ESO ha concluso che una bolla di gas è stata espulsa ed espulsa ulteriormente dalla pulsazione esterna della stella, una specie di “rutto” stellare. Quando un punto freddo guidato dalla convezione è apparso sulla superficie, il calo di temperatura locale è stato sufficiente per condensare elementi pesanti (come il silicio) in polvere solida, formando un velo che oscurava la luminosità della stella nell’emisfero australe.

READ  Un Boeing Starliner attracca per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale
Questa illustrazione mostra i cambiamenti nella luminosità della stella gigante rossa Betelgeuse dopo che la massa gigante ha espulso un grosso pezzo della sua superficie visibile.
Ingrandisci / Questa illustrazione mostra i cambiamenti nella luminosità della stella gigante rossa Betelgeuse dopo che la massa gigante ha espulso un grosso pezzo della sua superficie visibile.

NASA/ESA/Elizabeth Wheatley (STScI)

Secondo gli autori di questo ultimo documento di ricerca, l’evento è stato molto più di un rutto stellare. Un grande pilastro portante con un diametro di oltre un milione di miglia apparve dalle profondità all’interno della gigante rossa. Gli shock e le pulsazioni risultanti erano abbastanza forti da produrre uno SME, facendo esplodere nello spazio una porzione massiccia della fotosfera della stella. Ciò ha portato il punto freddo a essere coperto da una nuvola di polvere, il che spiega l’opacità.

La gigante rossa sta appena iniziando a riprendersi da questo disastroso evento. “Betelgeuse continua a fare cose insolite in questo momento; l’interno sta tornando indietro” Il coautore Andrea Dupree ha detto: presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, attività simile a un piatto di Jell-O. Il suo impulso caratteristico si è anche bloccato, si spera temporaneamente, forse perché le celle convettive interne “rotolano come una vasca di lavatrice sbilanciata” mentre la fotosfera inizia il lento processo di ricostruzione di se stessa.

“Non abbiamo mai visto una massiccia espulsione di massa dalla superficie di una stella prima” ha detto Dupree. “Abbiamo lasciato che accadesse qualcosa che non capivamo completamente. È un fenomeno completamente nuovo che possiamo osservare e risolvere direttamente i dettagli della superficie con Hubble. Stiamo osservando l’evoluzione delle stelle in tempo reale”. Il Telescopio spaziale web Potrebbe essere in grado di rilevare la materia espulsa nella luce infrarossa mentre continua ad allontanarsi dalla stella, il che potrebbe dire agli astronomi di più su ciò che è accaduto e sui suoi effetti su altre stelle simili.

READ  La sonda Curiosity della NASA porta alla luce precedenti prove dell'acqua antica

DOI: arXiv, 2022. 10.48550 / arXiv.2208.01676 (Informazioni sui DOI).

Elenco immagini di ESO / pag. cervila / m. Montargès et al.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply