Benjamin Netanyahu ‘Near Bargain Advocate’ nel processo per corruzione | Benjamin Netanyahu

L’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu Si dice che la sua petizione per un processo per corruzione raggiunga un accordo, segnalando una rapida fine inaspettata alla sua turbolenta carriera politica e una rinascita della politica israeliana.

israeliano I media di domenica sono stati dominati dalle notizie di Netanyahu, leader del partito Likud e leader dell’opposizione. È stato estromesso l’anno scorso da un governo durato 12 anni, Ha raggiunto trattative avanzate con la Procura Generale.

Nell’accordo riportato, Netanyahu si dichiarerà colpevole di due capi di imputazione per violazione della fiducia, con conseguente sospensione della reclusione e conversione di alcuni mesi in servizio sociale.

C’è un elemento chiave nell’insistenza del procuratore generale Avichai Mandelblitt sull’accusa di tumulto morale: l’annuncio formale che Netanyahu vuole evitarlo perché potrebbe impedirgli di sette anni di vita politica.

L’ex primo ministro è stato accusato di aver scambiato un trattamento preferenziale con un’importante compagnia di telecomunicazioni israeliana in cambio di articoli positivi sul suo sito di notizie Wala. È accusato in un secondo caso di richiesta di copertura favorevole e un terzo in relazione alla ricezione di regali del valore di centinaia di migliaia di dollari da ricchi amici.

Il 72enne ha respinto le richieste di dimissioni dopo essere stato incriminato nel 2019, utilizzando la piattaforma per scagliarsi ripetutamente contro le forze dell’ordine, i media e i tribunali per aver condotto una “caccia alle streghe” contro di lui.

Il processo a Netanyahu inizierà nel 2020, con il Paese coinvolto in una crisi politica durata due anni dopo quattro elezioni, con gli elettori che si bloccano sulla sua leadership e incriminazione.

READ  Annunci diretti: l'inizio dei processi di conferma di Gotanji Brown Jackson

Le cause contro di lui avrebbero dovuto protrarsi per anni, ma la commissione legale dell’ex primo ministro sembra aver deciso di presentare una petizione, poiché il mandato del procuratore generale di Mandel Blitz scade questo mese ed è improbabile che sostituirà i casi di Netanyahu. L’affare finisce.

Si dice che il presidente della Corte Suprema in pensione Aaron Barak, alleato di lunga data di Netanyahu, abbia agito da collegamento tra l’ex primo ministro e i pubblici ministeri. Parlando al sito web di notizie Ynet, ha detto del suo ruolo nei colloqui: “Secondo me, questa è un’accusa e un’indagine unica che sta causando divisione nel paese. Nel tentativo di sanare quel divario, un patto di richiesta è un’opzione desiderabile. Questa posizione è favorevole e importante per lo Stato di Israele.

Un patteggiamento da cui Netanyahu è stato bandito per molti anni in politica metterà effettivamente fine alla sua vita.

Ciò innescherà una rivalità di leadership per il Likud e la sua caduta risuonerà in modi imprevedibili. Il Likud potrebbe entrare in una guerra civile per la scelta di un nuovo presidente, vanificando i tentativi di destabilizzare il governo di coalizione multipartitico insediatosi lo scorso giugno.

Tuttavia, se il partito è pienamente d’accordo con un nuovo leader, elementi di destra della coalizione di governo potrebbero revocare l’attuale accordo e considerare di favorire un governo politicamente compatibile con il nuovo presidente del Likud.

Domenica, il quotidiano Yedioth Ahronoth ha citato il Likud dicendo che Netanyahu era “passato alla marcia bassa” negli ultimi mesi, mantenendo segreti i colloqui con il suo partito.

L’ex primo ministro “era meno concentrato, meno concentrato, non ha partecipato a gran parte delle riunioni del plenum della Knesset, ha annullato le riunioni delle fazioni. Il suo unico atto è stato quello di attaccare i membri anziani del partito e pubblicare video infantili su TikTok. Non ha modo per guidare l’opposizione.

READ  Fortnite: il capitolo 3 è stato ufficialmente rilasciato con la nuova isola, Spider-Man e molti altri cambiamenti

Netanyahu sta anche valutando la possibilità di concludere un accordo sulle sue accuse di corruzione Compromesso in causa per diffamazione contro il suo predecessore Come Primo Ministro, Ehud Olmert.

Netanyahu ha chiesto 837.000 shekel (£ 197.000) di risarcimento al leader della Ligud Olmert per le accuse fatte nelle interviste secondo cui sua moglie Sarah e il figlio maggiore Yair – compresi i civili di destra – erano malati di mente.

Il giudice Amit Yariv ha dichiarato in un’udienza la scorsa settimana che i commenti di Olmert erano più che veri: un compromesso fatto da un portavoce della famiglia Netanyahu era accettabile, sebbene non vi fosse alcuna indicazione immediata che Olmert lo avrebbe accettato.

Con l’eccezione di Netanyahu, Olmert è l’unico primo ministro israeliano ad affrontare un processo per corruzione. È stato condannato nel 2015 e ha scontato due terzi della sua condanna a 27 mesi per frode.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply