Assad visita gli Emirati Arabi Uniti, il primo viaggio in un Paese arabo dall’inizio della guerra

  • Gli Emirati Arabi Uniti una volta hanno sostenuto gli oppositori di Assad nella guerra siriana
  • Gli Stati Uniti affermano “profondamente delusi” dalla mossa degli Emirati Arabi Uniti
  • Assad visitò l’Iran e la Russia solo durante la guerra
  • Gli Emirati Arabi Uniti affermano di voler rafforzare la cooperazione con la Siria

DUBAI/WASHINGTON (18 marzo) (Reuters) – Il presidente siriano Bashar al-Assad si è recato venerdì negli Emirati Arabi Uniti per la sua prima visita in un paese arabo dall’inizio della guerra siriana nel 2011, sottolineando il miglioramento delle relazioni con un alleato degli Stati Uniti . Una volta ha sostenuto i ribelli che hanno cercato di rovesciarlo.

L’Agenzia stampa degli Emirati (WAM) ha dichiarato che Assad ha incontrato il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, che “ha sottolineato che la Siria è un pilastro essenziale della sicurezza araba e che gli Emirati Arabi Uniti sono desiderosi di rafforzare la cooperazione con essa”.

Un videoclip pubblicato dall’Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) mostrava Assad sorridere mentre era in piedi accanto allo sceicco Mohammed davanti alle bandiere siriana e degli Emirati, oltre ai gesti e al sorriso durante le conversazioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La visita ha suscitato un forte rimprovero da parte di Washington, con il Dipartimento di Stato che si è detto “estremamente e turbolento deluso” per quello che ha descritto come un apparente tentativo di legittimare Assad.

Gli unici viaggi di Assad fuori dalla Siria durante la guerra furono Iran e Russia, stretti alleati il ​​cui supporto militare lo aiutò a cambiare le sorti del confronto contro gli oppositori sostenuti dal governo, compresi gli stati del Golfo alleati con gli Stati Uniti.

READ  USS Gerald Ford: la più recente e avanzata portaerei della US Navy schierata per la prima volta

La presidenza siriana ha dichiarato in una dichiarazione di aver incontrato venerdì anche il sovrano di Dubai, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

Il momento del volo ha coinciso con l’undicesimo anniversario della rivolta siriana, iniziata nel marzo 2011, e in un momento in cui Washington sta lavorando a livello globale per unire alleati e partner contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha sottolineato che Washington si oppone ancora agli sforzi per normalizzare le relazioni o riabilitare Assad. Ha affermato che gli Stati Uniti non rinunceranno o annulleranno le sanzioni contro la Siria a meno che non si compiano progressi verso una soluzione politica al conflitto che ha ucciso centinaia di migliaia di persone dallo scoppio della rivolta contro Assad.

“Esortiamo i paesi che stanno considerando di affrontare il regime di Assad a soppesare attentamente le orribili atrocità che il regime ha commesso contro i siriani negli ultimi dieci anni, così come gli sforzi in corso del regime per negare a gran parte del paese l’accesso agli aiuti umanitari e alla sicurezza”, ha aggiunto Price . Ha detto in una e-mail.

Washington ha espresso la sua preoccupazione a novembre quando il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti ha visitato Damasco e ha incontrato Assad.

Ma l’amministrazione Biden ha eroso la sua capitale politica sia con Riyadh che con Abu Dhabi ignorando le loro preoccupazioni per il rivale regionale Iran, ponendo fine al suo sostegno alla loro guerra in Yemen e imponendo condizioni alla vendita di armi degli Stati Uniti agli stati del Golfo. Per saperne di più

READ  Papa Francesco visita il Canada per scusarsi degli abusi sugli indigeni nei collegi cattolici

L’Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) ha affermato che le due parti hanno sottolineato “la conservazione dell’integrità territoriale della Siria e il ritiro delle forze straniere” dal paese frammentato in cui Russia, Iran, Turchia e Stati Uniti hanno una presenza militare.

Hanno anche discusso del sostegno politico e umanitario alla Siria e al suo popolo per raggiungere una soluzione pacifica a tutte le sfide che deve affrontare.

L’Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) ha affermato che lo sceicco Mohammed “ha espresso la sua speranza che questa visita apra la strada al ritorno del bene, della pace e della stabilità in Siria e nell’intera regione”. Ha aggiunto che Assad lo ha informato sugli ultimi sviluppi in Siria.

Lo sceicco Mohammed lo salutò all’aeroporto.

Gli incontri sono stati gli ultimi di una serie di iniziative diplomatiche che segnalano un cambiamento in atto in Medio Oriente mentre diversi paesi arabi stanno riallacciando i legami con Assad.

I segnali di riavvicinamento tra Assad ei paesi arabi sono cresciuti nell’ultimo anno, inclusa una telefonata con il re di Giordania Abdullah, un altro alleato degli Stati Uniti. Per saperne di più

Gli analisti affermano che le considerazioni politiche ed economiche incombono sui paesi arabi che cercano legami più stretti con Assad, incluso come contrastare l’influenza di Iran e Turchia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(che copre Moataz Mohamed). Scritto da Tom Perry e Humira Pamuk; Montaggio di Franklin Paul, Jonathan Otis e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply