Ascolta come appare un buco nero: il nuovo suono del buco nero della NASA con remix

Nell’ambito della Black Hole Week della NASA, sono stati rilasciati due nuovi suoni di buchi neri conosciuti.

  • Sono stati rilasciati due nuovi suoni per i buchi neri conosciuti[{” attribute=””>NASA’s Black Hole Week.
  • The Perseus galaxy cluster was made famous because of sound waves detected around its black hole by NASA’s Chandra X-ray Observatory in 2003.
  • Scanning like a radar around the image, the data have been resynthesized and scaled up by 57 and 58 octaves into the human hearing range.
  • For M87, listeners can hear representations of three different wavelengths of light — X-ray, optical, and radio — around this giant black hole.

Il buco nero al centro dell’Ammasso Galattico Perseo

Dal 2003 il Un buco nero nel cuore del gruppo di galassie del Perseo associato al suono. Questo perché gli astronomi hanno scoperto che le onde di pressione emanate dal buco nero creano increspature nel gas caldo dell’ammasso che possono essere tradotte in osservazione: gli esseri umani non riescono a sentire circa 57 ottave sotto il Do centrale. Ora, la nuova sonicazione sta portando più note a questo nero perforazione. Questo nuovo audio, che traduce i dati astronomici in suono, viene rilasciato durante la settimana del buco nero 2022 della NASA.


Nuova sonicazione del buco nero al centro dell’ammasso di galassie Perseus. Crediti: NASA/CXC/SAO/K.Arcand, SYSTEM Sounds (M. Russo, A. Santaguida)

In un certo senso, questa sonicazione è diversa da qualsiasi altra cosa fatta prima perché rivisita le effettive onde sonore rilevate nei dati dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA. L’idea sbagliata comune che non ci sia suono nello spazio deriva dal fatto che la maggior parte dello spazio è essenzialmente un vuoto e non fornisce alcun mezzo per la propagazione delle onde sonore attraverso di esso. D’altra parte, un ammasso di galassie contiene abbondanti quantità di gas che avvolgono centinaia o addirittura migliaia di galassie all’interno, fornendo un mezzo per il viaggio delle onde sonore.

In questa nuova sonicazione di Perseo, le onde sonore precedentemente identificate dagli astronomi sono state estratte e rese udibili per la prima volta. Le onde sonore sono state estratte in direzioni radiali, cioè verso l’esterno dal centro. I segnali nella gamma uditiva umana sono stati quindi ricombinati alzandoli di 57 e 58 ottave sopra l’altezza reale. Un altro modo per dirlo è che sente 144 quadrilioni e 288 quadrilioni di volte superiore alla sua frequenza originale. (Un quadrilione equivale a 1.000.000.000.000.000). La scansione simile a un radar attorno all’immagine consente di ascoltare le onde emesse in diverse direzioni. Nell’immagine visibile di questi dati, sia il blu che il viola mostrano i dati dei raggi X catturati da Chandra.


Nuova sonicazione del buco nero al centro della galassia M87. Crediti: NASA/CXC/SAO/K.Arcand, SYSTEM Sounds (M. Russo, A. Santaguida)

Il buco nero al centro del Galaxy M87

Oltre all’ammasso di galassie di Perseus, viene rilasciata una nuova sonicazione di un altro famoso buco nero. Il buco nero di Messier 87, o M87, è stato studiato dagli scienziati per decenni e ha guadagnato uno status di celebrità nella scienza dopo il primo rilascio del progetto Event Horizon Telescope (EHT) nel 2019. Questo nuovo suono non mostra i dati EHT , ma piuttosto suoni in Data provenienti da altri telescopi osservati M87 a distanze molto più ampie nello stesso periodo. L’immagine in forma visibile contiene tre pannelli, dall’alto verso il basso, raggi X di Chandra, luce ottica della NASA[{” attribute=””>Hubble Space Telescope, and radio waves from the Atacama Large Millimeter Array in Chile. The brightest region on the left of the image is where the black hole is found, and the structure to the upper right is a jet produced by the black hole. The jet is produced by material falling onto the black hole. The sonification scans across the three-tiered image from left to right, with each wavelength mapped to a different range of audible tones. Radio waves are mapped to the lowest tones, optical data to medium tones, and X-rays detected by Chandra to the highest tones. The brightest part of the image corresponds to the loudest portion of the sonification, which is where astronomers find the 6.5-billion solar mass black hole that EHT imaged.

Questa sonicazione è stata guidata dal Chandra X-ray Center (CXC) ed è stata inclusa come parte del programma Education Universe (UoL) della NASA con il supporto aggiuntivo del telescopio spaziale Hubble del NASA/Goddard Space Flight Center. La collaborazione è stata guidata dallo scienziato della visualizzazione Kimberly Arcand (CXC), dall’astrofisico Matt Russo e dal musicista Andrew Santagueda (entrambi del SYSTEMS Sound Project). Il Marshall Space Flight Center della NASA gestisce il programma Chandra. Il Chandra X-ray Center dello Smithsonian Astrophysical Observatory controlla la scienza da Cambridge, Massachusetts, e le operazioni di volo da Burlington, Massachusetts. I materiali didattici dell’universo della NASA si basano sul lavoro che la NASA sostiene nell’ambito di un accordo di collaborazione che assegna NNX16AC65A allo Space Telescope Science Institute, in collaborazione con Caltech/IPAC, Astrophysics Center | Harvard, Smithsonian e Jet Propulsion Laboratory.

READ  Un piccolo asteroide colpisce l'atmosfera terrestre poche ore dopo la sua scoperta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply