Artemis 1: la NASA attende con impazienza due date di lancio per la fine di settembre

La NASA sta cercando di risolvere il problema della perdita di carburante del razzo, chiamato Space Launch System, o SLS. durante Ultimo tentativo di lancio Sabato 3 settembre, al Kennedy Space Center in Florida, si è verificata una grave perdita di razzo poiché era alimentato con idrogeno liquido estremamente freddo.

Mentre il razzo è ancora sulla piattaforma, i funzionari della NASA hanno detto giovedì in una conferenza stampa, la NASA sta cercando di risolvere questo problema riparando e sostituendo alcuni sigilli prima di eseguire i test per garantire che tutte le perdite siano ostruite.

Non è ancora chiaro quanto tempo ci vorrà.

Dopo di che, c’è un problema di dipendenza. La US Space Force, un braccio militare, supervisiona ancora tutti i lanci di missili dalla costa orientale degli Stati Uniti, incluso il sito di lancio della NASA in Florida, e quell’area è conosciuta come “Eastern Range”.

Gli ufficiali di tiro hanno il compito di assicurarsi che non vi siano pericoli per persone o cose durante qualsiasi tentativo di lancio. Ciò significa che la gamma orientale dovrebbe anche dare alla NASA un pollice in su che il sistema di terminazione del volo del missile – un sistema che essenzialmente distruggerebbe il missile a mezz’aria se vira fuori rotta e iniziasse a dirigersi in una direzione popolata – è pronto per volare.

Questo sistema si basa sulle batterie, tuttavia, secondo le regole attuali, devono essere ricaricate in una struttura al coperto vicina prima dell’arrivo delle nuove date di lancio proposte.

La NASA spera di ottenere una deroga a questa regola. Ma non è ancora chiaro quando o se tale richiesta verrà accolta. Se la NASA non ottiene l’approvazione della rinuncia, il razzo SLS dovrà essere spinto fuori dal tabellone e di nuovo al vicino Vehicle Assembly Building, causando ulteriori ritardi.

READ  È stato scoperto un esopianeta "super-terra" quattro volte più grande del nostro pianeta

“Se decidono che questa non è la cosa giusta da fare, ovviamente lo sosterremo e ci faremo da parte e cercheremo il prossimo tentativo di lancio”, ha detto alla stampa Jim Frey, amministratore associato per la direzione della missione di sviluppo dei sistemi di esplorazione della NASA. conferenza.

“Ma stiamo ancora spingendo per i test sui serbatoi”, ha detto, riferendosi ai test che la NASA intende eseguire per riparare la perdita di idrogeno mentre il razzo è ancora sulla piattaforma.

Il gruppo orientale della Space Force ha dichiarato in una dichiarazione solo che avrebbe “esaminato la richiesta della NASA”. Ha rifiutato di condividere i dettagli sui tempi.

Giovedì, la NASA ha fornito alcune informazioni su ciò che ha scoperto sul problema delle perdite. Lo ha già rivelato l’agenzia spaziale C’era “una pressione non intenzionale della linea dell’idrogeno”, ha detto sabato Michael Sarafin, il responsabile della missione Artemis, portandola a meno di 60 libbre per pollice quadrato di pressione invece dei 20 libbre per pollice quadrato che speravano.

Il prossimo tentativo di rilascio di Artemis I potrebbe non avvenire fino alla fine dell'anno

Non è ancora chiaro se questa pressione eccessiva sia stata la causa della perdita, ma la NASA sa perché si è verificata in primo luogo la pressione eccessiva e si è trattato di un errore umano.

Il nostro team di gestione si scusa [the operator in charge of overseeing the process] “Perché abbiamo apportato alcune modifiche al processo manuale tra il tentativo di lunedì e il tentativo di sabato”, ha affermato Frey. Lo abbiamo praticato durante la settimana ma abbiamo avuto solo due possibilità. Quindi non abbiamo messo i nostri operatori come team di leadership nel posto migliore in cui possiamo fare molto affidamento sul nostro team di credito”.

READ  Potenti telescopi vedono raffiche di vento caldo e freddo che soffiano da una stella di neutroni che fa a pezzi la sua compagna

Secondo Free, questa pressione eccessiva è sicuramente qualcosa che la NASA vuole evitare. La NASA sta cercando “un processo di caricamento più delicato, se vuoi”.

Per ora, c’è ancora un gioco di attesa e un sacco di “se” che circondano il programma di lancio di Artemis I. L’obiettivo finale di questo progetto è portare in orbita il razzo SLS e schierare la capsula Orion, progettata per gli astronauti ma che volerà a vuoto per questa missione di prova. La capsula continuerà a orbitare attorno alla luna prima di tornare a casa a una distanza di 239.000 miglia.

La missione Artemis I è solo l’inizio di un programma volto a riportare gli umani sulla Luna e, infine, a far atterrare missioni con equipaggio sulla superficie di Marte. Nelson ha detto che i problemi durante i primi due scrub non hanno causato ritardi nelle future missioni Artemis.

Kristen Fisher e Ashley Strickland della CNN hanno contribuito a questo articolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply