Altre proteste anti-COVID in Cina innescate da un incendio mortale

TAIPEI, Taiwan (AP) – Le proteste contro le misure restrittive della Cina contro il COVID-19 sono sembrate scoppiare in diverse città sabato sera, in una sfida pubblica alimentata dalla rabbia per un incendio mortale nella regione occidentale dello Xinjiang.

Molte delle proteste non hanno potuto essere confermate immediatamente, ma a Shanghai la polizia ha usato spray al peperoncino per fermare circa 300 manifestanti che si sono radunati in Urumqi Middle Road a mezzanotte, portando fiori, candele e striscioni con la scritta “Urumqi, 24 novembre, coloro che sono morti riposano in pace” per commemorare l’Anniversario dei dieci morti causati da un incendio In un edificio residenziale a Urumqi, la capitale dello Xinjiang.

Un manifestante che ha fornito solo il suo cognome, Gao, ha detto che uno dei suoi amici è stato picchiato dalla polizia e due suoi amici sono stati spruzzati con lo spray al peperoncino. Ha detto che la polizia gli ha calpestato i piedi mentre cercava di impedire loro di portare via il suo amico. Ha perso le scarpe durante il processo e ha lasciato la manifestazione a piedi nudi.

Zhao dice che i manifestanti hanno cantato slogan come “Xi Jinping, dimettiti, Partito Comunista, dimettiti”, “Apri lo Xinjiang, scatena la Cina”, “Non voglio i test PCR, voglio la libertà” e “Libertà di stampa”.

Circa 100 poliziotti erano in fila, ha detto Zhao, impedendo ad alcuni manifestanti di radunarsi o andarsene, e gli autobus con più poliziotti sono arrivati ​​più tardi.

Un altro manifestante, che ha dato solo il suo cognome come Shaw, ha detto che c’era una folla più numerosa di migliaia di manifestanti, ma che la polizia si è messa in mezzo e ha permesso ai manifestanti di passare sul marciapiede.

I post sulla protesta sui social media in Cina sono stati prontamente cancellati, come fa di solito il Partito Comunista Cinese per reprimere le critiche.

Sabato scorso, le autorità della regione dello Xinjiang hanno aperto alcuni quartieri a Urumqi dopo che i residenti hanno organizzato straordinarie manifestazioni notturne contro il rigido blocco della città che dura da più di tre mesi. Molti hanno affermato che le ostruzioni dovute alle misure di controllo del virus hanno peggiorato l’incendio. I soccorritori hanno impiegato tre ore per spegnere le fiamme, ma i funzionari hanno negato le affermazioni, dicendo che non c’erano barricate nell’edificio e che i residenti potevano andarsene.

READ  Crescono le preoccupazioni che l'Egitto possa utilizzare Cop27 per monitorare i critici del regime | poliziotto 27

Durante il blocco dello Xinjiang, le porte di alcuni residenti sono state chiuse in altre parti della città, incluso uno che ha parlato con l’Associated Press che ha rifiutato di essere nominato per paura di ritorsioni. Molti a Urumqi credono che questi metodi di forza bruta possano aver impedito ai residenti di fuggire nell’incendio di giovedì e che il bilancio ufficiale delle vittime sia stato sottostimato.

La rabbia è esplosa dopo che i funzionari della città di Urumqi hanno tenuto una conferenza stampa sull’incendio in cui sembravano scaricare la responsabilità delle morti sui residenti della torre dell’appartamento.

“La capacità di alcuni residenti di salvarsi era molto debole”, ha detto Li Wensheng, capo dei vigili del fuoco di Urumqi.

La polizia ha represso le voci dissenzienti, annunciando l’arresto di una donna di 24 anni per aver pubblicato online “informazioni errate” sul bilancio delle vittime.

Nella tarda notte di venerdì, la gente di Urumqi ha camminato pacificamente indossando grandi giacche invernali imbottite nella fredda notte invernale.

I video delle proteste mostravano persone che reggevano la bandiera cinese e gridavano “apri, apri”. Si sono diffusi rapidamente sui social media cinesi nonostante la pesante censura. Secondo i video, in alcune scene le persone urlavano e spingevano file di uomini in tute ignifughe bianche a copertura totale indossate da dipendenti del governo locale e volontari per la prevenzione delle epidemie.

Sabato, la maggior parte di loro era stata cancellata dalla censura. L’Associated Press non ha potuto verificare in modo indipendente tutti i video, ma due residenti di Urumqi che hanno rifiutato di essere identificati per paura di rappresaglie hanno affermato che venerdì sera si sono verificate proteste su larga scala. Uno di loro ha detto di avere amici che hanno partecipato.

L’Associated Press ha individuato due video di proteste in diverse parti di Urumqi. In un video, poliziotti con maschere e camici ospedalieri hanno affrontato manifestanti urlanti. In un altro, un manifestante ha parlato a una folla delle loro richieste. Non è chiaro quanto siano diffuse le proteste.

READ  3 morti e un disperso a causa della pioggia nella più grande città della Nuova Zelanda

Le manifestazioni, così come l’indignazione pubblica online, sono gli ultimi segni di frustrazione per l’approccio intensificato della Cina al controllo del COVID-19. È l’unico grande paese al mondo che sta ancora combattendo la pandemia con test di massa e blocchi.

Dato il massiccio apparato di sicurezza della Cina, le proteste sono rischiose ovunque nel paese, ma sono insolite nello Xinjiang, che è stato per anni l’obiettivo di una brutale repressione della sicurezza. Un gran numero di uiguri e altre minoranze in gran parte musulmane sono stati ammassati in una vasta rete di campi e prigioni, alimentando la paura che ancora oggi attanaglia la regione..

La maggior parte dei manifestanti presenti nei video erano cinesi Han. Una donna uigura che vive a Urumqi ha detto che era perché gli uiguri avevano troppa paura di scendere in piazza nonostante la loro rabbia.

“I cinesi Han sanno che non saranno puniti se si esprimeranno contro il blocco”, ha detto, che ha rifiutato di essere nominata per paura di rappresaglie da parte della sua famiglia. “Gli uiguri sono diversi. Se osiamo dire queste cose, verremo portati in prigione o nei campi”.

In un video, che l’AP non ha potuto verificare in modo indipendente, l’alto funzionario di Urumqi, Yang Fasen, ha detto ai manifestanti arrabbiati che avrebbe aperto le aree a basso rischio della città la mattina successiva.

Questa promessa è stata mantenuta il giorno successivo, quando le autorità di Urumqi hanno annunciato che i residenti delle aree a basso rischio sarebbero stati autorizzati a muoversi liberamente all’interno dei loro quartieri. Tuttavia, molti altri quartieri sono ancora in isolamento.

I funzionari hanno anche annunciato trionfalmente sabato di aver sostanzialmente raggiunto “zero comunità COVID”, il che significa che non c’era più diffusione nella comunità e nuove infezioni sono state rilevate solo nelle persone già sotto controllo sanitario, come quelle nella struttura di quarantena centrale.

Gli utenti dei social media hanno accolto la notizia con incredulità e sarcasmo. “Solo la Cina può raggiungere questa velocità”, ha scritto un utente su Weibo.

Sui social media cinesi, dove gli argomenti di tendenza sono manipolati dalla censura, l’annuncio “Zero COVID” è stato l’hashtag di tendenza n. 1 sia su Weibo, una piattaforma simile a Twitter, sia su Douyin, la versione cinese di TikTok. L’incendio dell’appartamento e le proteste sono diventate un parafulmine per la rabbia pubblica, con milioni di post condivisi che mettono in discussione i controlli cinesi contro la pandemia. O deridere la rigida propaganda del paese e i severi controlli di censura.

READ  Il nuovo gasdotto rafforza la richiesta dell'Europa di allentare le forniture russe

L’esplosione della critica segna una brusca svolta nell’opinione pubblica. All’inizio della pandemia, i suoi cittadini hanno elogiato l’approccio della Cina al controllo del COVID-19 per aver ridotto al minimo le morti in un momento in cui altri paesi si stavano riprendendo da devastanti ondate di infezioni. Il leader cinese Xi Jinping ha visto l’approccio come un esempio della superiorità del regime cinese sull’Occidente e in particolare sugli Stati Uniti, che hanno politicizzato l’uso delle mascherine e lottato per imporre blocchi diffusi.

Ma il sostegno per “zero COVID” è svanito negli ultimi mesi, poiché le tragedie hanno acceso l’indignazione pubblica. La scorsa settimana, il governo della città di Zhengzhou, nella provincia centrale di Henan, si è scusato per la morte di un bambino di 4 mesi. È morta dopo un ritardo nel ricevere cure mediche mentre soffriva di vomito e diarrea in un hotel di quarantena a Zhengzhou.

Il governo ha raddoppiato la sua politica anche se allenta alcune misure, come la riduzione dei periodi di quarantena. Il governo centrale ha ripetutamente affermato che si atterrà a “zero COVID”.

Molti nello Xinjiang sono stati rinchiusi da agosto. Alla maggior parte non è stato permesso di lasciare le proprie case e alcuni hanno riferito di condizioni disastrose, comprese sporadiche consegne di cibo che hanno causato la fame dei residenti.. Venerdì la città ha registrato 220 nuovi casi di infezione, la stragrande maggioranza dei quali asintomatica.

La donna uigura di Urumqi ha detto di essere bloccata nel suo appartamento dall’8 agosto, senza nemmeno il permesso di aprire la finestra. Venerdì, i residenti del suo quartiere hanno sfidato l’ordine, aprendo le finestre e gridando in segno di protesta. si è unita.

“Niente più chiusure! Niente più arresti! loro piansero.

___

Kang riferito da Pechino.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply