Aggiornamenti in tempo reale sulle elezioni di Hong Kong: John Lee vince una gara a uomo

credito…Lam Yik / Reuters

John Lee, un ex capo della sicurezza noto per la sua ferma lealtà al governo cinese, è stato scelto domenica per essere il prossimo leader di Hong Kong, attraverso un processo di selezione strettamente controllato da Pechino in cui era l’unico candidato.

Il signor Lee, 64 anni, sostituirà l’impopolare Carrie Lam come amministratore delegato, la posizione più alta di Hong Kong. Sotto la direzione della signora Lam, feroci proteste a favore della democrazia hanno scosso la città nel 2019 e la Cina ha risposto con una legge sulla sicurezza nazionale radicale che limitava le libertà di Hong Kong.

Il signor Lee, che ha servito come capo della sicurezza di Hong Kong per quattro anni prima di essere nominato l’anno scorso primo segretario, la seconda posizione del governo, è stato una figura chiave nella repressione delle proteste nel 2019. Ha poi aiutato il governo a esercitare una nuova legge sulla sicurezza per reprimere il dissenso politico, lasciando le figure più esplicite dietro le sbarre o in esilio.

Circa 1.424 membri della commissione elettorale, tutti controllati dal governo di Hong Kong, hanno votato domenica. Il signor Li non aveva avversari e l’unica scelta era votarlo o meno. Secondo i risultati ufficiali, solo otto persone hanno votato contro di lui.

Il signor Lee ha fatto un cenno con la mano e si è inchinato per salutare gli elettori dopo l’annuncio della sua vittoria. “Il giorno delle elezioni del CEO è importante per me”, ha detto. “Ma oggi è anche la festa della mamma, il compleanno di Buddha e anche la Giornata mondiale del sorriso designata dalla Croce Rossa. Quindi oggi possiamo accogliere molto felicemente questo giorno storico”. Ha chiamato sua moglie Janet Lamm sul palco e le ha regalato un mazzo di fiori che qualcun altro le aveva regalato.

READ  I lavoratori poveri sopportano il peso maggiore dell'ondata di caldo in India

Il signor Lee, che presterà giuramento il 1° luglio, ha detto che intende far approvare un pacchetto di nuove leggi sul tradimento, la secessione, la sedizione e la sovversione. Le leggi, note collettivamente come articolo 23 della parte della mini-costituzione di Hong Kong che le prevede, sono state a lungo una questione irritante per i leader di Hong Kong. Il governo ha tentato di emanare la legislazione dell’articolo 23 nel 2003, ma ha fatto marcia indietro dopo che centinaia di migliaia di persone hanno manifestato.

Questa volta, il signor Li non avrebbe affrontato tale opposizione.

La repressione che ha seguito il movimento di protesta del 2019 ha determinato La vivace società civile di Hong Kong al tallone. Testate giornalistiche, sindacati, partiti politici e gruppi per i diritti umani sono stati chiusi sotto la pressione del governo e delle indagini sulla sicurezza nazionale.

Domenica solo tre manifestanti hanno protestato silenziosamente fuori dal centro congressi, in inferiorità numerica rispetto agli agenti di polizia, molti dei quali stavano filmando.

Nel gennaio 2021, la polizia ha arrestato dozzine di politici e attivisti dell’opposizione, affermando che la loro strategia elettorale equivaleva a un complotto sovversivo. Molti rimangono in detenzione in attesa di processo per accuse di sicurezza nazionale che potrebbero portare all’ergastolo. Il processo è stato ritardato così a lungo che i ritardi hanno suscitato critiche il mese scorso da un giudice conservatore scelto dal governo per supervisionare i processi di sicurezza.

Sotto l’amministrazione di Lee, la repressione dovrebbe estendersi al servizio civile di Hong Kong, che è stato oggetto di crescenti critiche da parte dei politici pro-Pechino da quando alcuni dipendenti del governo si sono uniti alle proteste del 2019. I suoi lavoratori sono stati anche accusati dal campo pro-Pechino per resistere agli sforzi Per implementare controlli sul coronavirus in stile continentale, come blocchi massicci e test obbligatori in tutta la città.

READ  La Gran Bretagna annuncia nuove sanzioni aeronautiche contro la Russia

“Dobbiamo assicurarci che il servizio civile applichi fedelmente le politiche del governo”, ha affermato Lao Siu Kai, consigliere di Pechino per la politica di Hong Kong. “Dobbiamo assicurarci che il sistema disciplinare del servizio civile sia rigoroso per garantire che quei dipendenti pubblici che non svolgeranno il loro lavoro saranno puniti o rimossi”.

Tiffany May Contribuire alla redazione dei rapporti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply