Aggiornamenti in tempo reale sulla guerra russo-ucraina: notizie della NATO, Putin e le ultime

a lui attribuito…Str/EPA, tramite Shutterstock

Le Nazioni Unite stanno coordinando i colloqui tra Ucraina, Russia e Turchia nella speranza di garantire garanzie di sicurezza che consentirebbero all’Ucraina di esportare il suo grano e contribuirebbe ad alleviare una crisi alimentare globale esacerbata dalla guerra.

Ma il negoziatore del governo ucraino ha espresso scetticismo in una recente intervista al New York Times sul fatto che la Russia si sarebbe attenuta a qualsiasi garanzia a meno che Kiev non avesse il potere militare per farla rispettare.

Il negoziatore ucraino, Rustam Omirov, ha dichiarato al Times che il paese si stava preparando per i colloqui a Istanbul per discutere un modo per porre fine al blocco de facto della Russia del porto di Odessa sul Mar Nero per consentire la spedizione di 20 milioni di tonnellate di grano in Ucraina. nei silos di stoccaggio.

Ma ha affermato che solo la consegna di potenti armi navali commesse dagli alleati occidentali sarebbe un’efficace garanzia di sicurezza e ha accusato la Russia di cercare di utilizzare la questione per rafforzare la sua posizione nel Mar Nero.

“Se apriamo i porti, significa che il Mar Nero nord-occidentale si aprirà a loro”, ha detto. Ha aggiunto che non si può fare affidamento su nessun sostenitore internazionale “che ci garantisca” per rispondere se la Russia attacca le navi ucraine.

“E lo capiscono”, ha detto. “Ecco perché hanno fatto pressioni sul mondo per fare pressione sull’Ucraina affinché apra i porti”.

Prima dell’inizio della guerra, l’Ucraina esportava circa sei milioni di tonnellate di grano al mese, ha dichiarato giovedì Kate Newton, coordinatrice delle emergenze per il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite in Ucraina, in una conferenza stampa a Kiev. Ha detto che il paese è ora in grado di esportare solo circa 1 milione di tonnellate al mese.

READ  Sanzioni alla Russia: la Commissione europea suggerisce che la soluzione di pagamento del gas di Mosca potrebbe funzionare con le società dell'UE

“Stiamo facendo tutto il possibile, esportando grano su camion, ferrovia e fiume”, ha detto. Ma, ha detto, senza l’uso dei porti del Mar Nero, non sarebbe possibile aumentare molto i livelli di esportazione.

Le forze russe hanno anche bombardato centri di stoccaggio di grano e campi in tutta l’Ucraina. Quando l’Ucraina iniziò a spedire grano da un porto sul Danubio, i russi Bombardamento del ponte principale I camion potrebbero essere usati per arrivarci.

Nei precedenti negoziati, Mosca ha insistito sul diritto di “ispezionare” tutte le navi che trasportano grano ucraino, una condizione che Kiev non avrebbe accettato.

a lui attribuito…Agenzia Doğukan Keskenkılik / Agenzia Anadolu, tramite Getty Images

L’esercito ucraino ha dichiarato giovedì di aver espulso le forze russe da Snake Island, uno sperone strategicamente importante la cui perdita potrebbe minare il controllo di Mosca sulle rotte marittime del Mar Nero. Ma il blocco de facto della Russia non ha mostrato segni di allentamento.

Il signor Omerov e il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba hanno accusato la Russia di diffondere informazioni errate sui responsabili del blocco. Omerov ha affermato che la questione del grano, e persino la possibilità di una carestia, è diventata parte della guerra dell’informazione di Mosca.

“Stanno armando la fame”, ha detto Omerov. “Si rivolgono ai paesi africani dicendo: ‘Siamo sempre pronti a sostenervi, sono gli ucraini che non aprono i porti.’ I paesi africani dipendono fortemente dal grano di Russia e Ucraina.

Il ministero della Difesa russo ha descritto il suo ritiro da Snake Island come un gesto umanitario e ha ribadito di non essere responsabile della crisi alimentare. Ma in una recente apparizione, Margarita Simonyan, caporedattore della portavoce del Cremlino di RT, sembrava suggerire che la crisi potesse essere a favore della politica di Mosca.

READ  Bombardamento Mariupol: prima e dopo le immagini satellitari mostrano la distruzione nella città dell'Ucraina | Russia

“L’ho sentito molte volte a Mosca da molte persone: ‘Tutto ciò in cui speriamo è la carestia’”, ha detto al Forum economico di San Pietroburgo il 20 giugno, aggiungendo che l’aspettativa di queste persone è che la carestia spingerà i paesi a crollare e imporre sanzioni alla Russia.

Kiev sta lavorando per contrastare questa narrativa. La scorsa settimana, il signor Kuleba ha trascorso un’ora parlando con giornalisti africani, sottolineando l’urgenza dell’Ucraina di riprendere le esportazioni.

“L’unico paese che non è sotto la pressione del tempo qui è la Russia”, ha detto in un’intervista. “Il tempo stringe per tutti gli altri, che siamo i fornitori, i paesi africani e asiatici come destinatari, o le Nazioni Unite, la cui reputazione è in gioco”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply