Teatro al comune di Tuoro

la nuova stagione

0
2615
La stagione del teatro di Tuoro sul Trasimeno

TODI IS A SMALL TOWN
IN THE CENTER OF ITALY
Come si vive nella provincia italiana? Michele, Stella, Elisa e Caroline sono
quattro tuderti, una piccola tribù di trentenni con proprie regole e ritmi: gli
appuntamenti preceduti da note vocali su whatsapp, gli incontri fatti di routine e
noia, le chiacchiere a vuoto e i passatempi inventati. Un quinto personaggio, un
documentarista, connette finzione e realtà: studia e annota le caratteristiche della
città e dei suoi abitanti. Come si vive in un piccolo centro in cui tutti conoscono
tutti? Cos’è che a Todi è “meglio non fare”?
Queste sono alcune delle domande che sono state poste per davvero ad oltre
centodieci tuderti e che il lavoro mira a restituire in parte attraverso un collage
che spezza e sostiene la storia dei quattro protagonisti.
Uno spettacolo teatrale e, insieme, un’inchiesta sui tabù e la morale.

scritto e diretto da Liv Ferracchiati
dramaturg Greta Cappelletti
con Caroline Baglioni, Michele Balducci,
Elisa Gabrielli, Stella Piccioni, Ludovico Röhl
aiuto regia, movimenti scenici e costumi
Laura Dondi
scene Lucia Menegazzo
ideazione luci Emiliano Austeri
consulenza illuminotecnica
Giacomo Marettelli Priorelli
riprese e montaggio video Brando Currarini
e Ilaria Lazzaroni
una produzione
Teatro Stabile dell’Umbria

 

Compagnia Astra Roma Ballet
IL FLAUTO MAGICO
Un altro grande balletto per l’Astra Roma Ballet, storica compagnia di danza
fondata e diretta dall’étoile Diana Ferrara, che per questa stagione propone Il
Flauto Magico, nuova produzione ispirata alla celebre opera di Mozart su libretto
di E. Schikaneder.
Lo spettacolo, firmato dal coreografo Paolo Arcangeli, è impreziosito dalle
scenografie di Emanuele Luzzati, bellissime illustrazioni provenienti dal laboratorio
dell’omonimo museo a Genova intitolato proprio dall’illustratore italiano di cui
ricorre nel 2017 il decimo anniversario della sua scomparsa.
Tra piume, stracci colorati e incantevoli foreste disegnate dall’artista genovese, lo
spettacolo è il racconto danzato dell’entusiasmante e contrastata storia d’amore
tra il principe eroe Tamino e la principessa Pamina, rapita dal malefico magosacerdote
Sarastro.
balletto in un atto e 14 quadri
coreografia Paolo Arcangeli
musica W. A. Mozart
video scenografie
Luzzati-Gianini
consulenza musicale e montaggio video
Marco Schiavoni
una produzione
Compagnia Astra Roma Ballet
domenica 17 dicembre ore 21
UmbriainDanza

 

L’ebreo
L’irresistibile caduta di due poveri cristi
L’ebreo, ovvero come difendere tragicomicamente ciò che ci appartiene, o
pensiamo ci appartenga. Gianni Clementi indirizza, questa volta, la sua fertile
penna verso gli anni ’50, quando il boom era ancora lontano e la guerra ancora
vicina.
Una coppia, non più giovane, si ritrova, a seguito delle leggi razziali, a disporre di
un patrimonio non loro. L’ebreo del titolo, ovvero il legittimo proprietario, potrebbe
tornare da un momento all’altro, anche se tutto, Storia o semplice ragione, fanno
presumere il contrario. E così…
Due attori di lunga militanza “clementiana”, Paola Tiziana Cruciani e Paolo
Triestino (insieme a Bruno Conti), ci racconteranno questa storia davvero
inconsueta, esilarante e cattiva, poetica e graffiante e che ci farà riaprire gli occhi
su pagine della nostra storia a volte dimenticate.

di Gianni Clementi
con Paola Tiziana Cruciani,
Paolo Triestino, Bruno Conti
regia Paolo Triestino
scene Francesco Montanaro
costumi Lucrezia Farinella
luci Luca Palmieri
una produzione
Teatro Ghione
in collaborazione con Fiore&Germano

 

 

REGALO DI NATALE

Quattro amici di vecchia data, Lele, Ugo, Stefano e Franco, si ritrovano la notte di

Natale per giocare una partita di poker. Con loro vi è anche il misterioso avvocato
Santelia, un ricco industriale contattato da Ugo per partecipare alla partita. Franco
è proprietario di un importante cinema di Milano ed è il più ricco dei quattro, l’unico
ad avere le risorse economiche per poter battere l’avvocato, il quale tra l’altro è noto
nel giro per le sue ingenti perdite. Tra Franco e Ugo però, i rapporti sono tesi; la loro
amicizia, infatti, è compromessa da anni, al punto tale che Franco, indispettito dalla
presenza dell’ormai ex amico, quasi decide di tornarsene a casa. La sola prospettiva di
vincere la somma necessaria alla ristrutturazione del cinema lo fa desistere dall’idea.
La partita si rivela ben presto tutt’altro che amichevole. Sul piatto, oltre a un bel po’
di soldi, c’è il bilancio della vita di ognuno: i fallimenti, le sconfitte, i tradimenti, le
menzogne, gli inganni.

Tratto da uno dei più bei film di Pupi Avati, lucido, amaro, avvincente.

 

KATE FINN-IL MENO PER IL PIU’

Ilaria Falini

Storia semiseria di un’ortoressica
L’ortoressia è un disturbo del comportamento alimentare per cui, alla ricerca di un
sempre migliore stato di salute, si comincia a selezionare il cibo in base a quanto
ci fa bene o a quanto sia sano, entrando così in un tale stato di psicopatologia per
cui tutto può far male, dal glutine al lattosio, dai pesticidi della frutta, agli ormoni
nella carne e così via fino ad arrivare a non mangiare nulla: con lo scopo di vivere
bene mangiando solo cibi sani si finisce per non mangiare niente e morire.
“Ho deciso di raccontare la storia di Sara malata di ortoressia, ho ambientato in
Umbria questa vicenda e l’ho popolata di personaggi grotteschi e affini a quelli
che ho incontrato e conosciuto nella mia vita.” Ilaria Falini
Emozionante e con una tematica molto attuale.
di Ilaria Falini e Fulvio Pepe
con Ilaria Falini
spazio scenico Nicola Nicchi

 

Sono nato delicato – Lovin’ James

sono nato delicato

Sono Nato Delicato con Stefano Nosei non è uno spettacolo di teatro canzone, né
di prosa e neanche di cabaret… è tutte queste cose insieme! Il nuovo Nosei 2.0
mantiene intatta l’ironia leggera che ha sempre accompagnato la sua comicità
in musica.
Sono Nato Delicato è un piccolo trattato semiserio sulla delicatezza, con racconti
e canzoni scelte tra i più grandi successi della musica pop (Barbie girl, The wild
boy, Sei forte papà, ecc.), ma suonati e cantati alla maniera di James Taylor, il
massimo cantore del lato delicato delle cose. Un diverso stile, un altro punto di
vista e il senso delle canzoni assume significati sorprendenti.
Nosei coinvolge e accompagna il pubblico alla ricerca del lato delicato delle cose
dove ironia e poesia possono convivere… forse!
di Alinghieri-Nosei
con Stefano Nosei, Andrea Maddalone
regia Roberto Alinghieri
una produzione
Mauro Diazzi

 

***

 

Prenotazioni telefoniche
BOTTEGHINO TELEFONICO
REGIONALE del teatro stabile dell’Umbria
tel. 075 57542222
tutti i giorni feriali
dalle 16 alle 20