Bastardo di Giano dell’Umbria

Storia di un paese con un nome scomodo

0
577

Redazione Umbria Libera

pubblicato il 19 dicembre 2016 22:14:24

Bastardo, un piccolo paese umbro, rientra sicuramente fra i paesi con i nomi più particolari d’Italia ma da dove arriva?
Sembra che il paesello, parte del comune di Giano dell’Umbria, si chiamasse in origine “Osteria del Bastardo” probabilmente per una nota osteria il cui proprietario aveva evidentemente, origini incerte.

Col passare del tempo il nome è stato accorciato ed è rimasto solo “Bastardo” e i suoi abitanti hanno cercato in tutti i modi di cambiare questo nome scomodo, con raccolte di firme e petizioni ma non hanno mai ottenuto successo.

E pensare che, dopo l’Unità d’Italia, i paesi umbri che cambiarono nome furono moltissimi. Con l’unione di tanti regni infatti nacquero moltissimi problemi dovuti all’omonimia, basti pensare a “Fratta” nome di un paese vicino Perugia e di uno vicino Todi. Insomma per ovviare alla confusione si chiese ai paesi di adottare nuovi nomi, nacque così “Umbertide” (che si chiamava appunto Fratta in origine) e “Fratta Todina”, anche “Massa” cambiò nome diventando “Massa Martana” e nacquero anche “Fossato di Vico” e “Nocera Umbra”, “Magliano Sabina” e molti altri.

Poteva essere insomma una bella occasione per gli abitanti di Bastardo ma, evidentemente, all’epoca non ne erano così infastiditi!

www.comune.giano-dellumbria.pg.it